Nuovo blocco, l’Anpi dichiara “guerra” a Facebook

La pagina bresciana dell'Anpi è stata oscurata nuovamente dal social media a causa di alcune foto di rappresentanti della destra estrema italiana

0
Censura di Facebook
Censura di Facebook

Continua la guerra tra Facebook e la pagina bresciana dell’Anpi, oscurata nuovamente dal social media a causa di alcune foto di rappresentanti della destra estrema italiana.

“Questa mattina presto – si sottolinea in una nota dell’associazione partigiani – da sono arrivate nuove notifiche con 4 nuove foto (le trovate sul sito www.anpibrescia.it), in alcuni casi accompagnate dal testo del nostro post originale, e una nuova sospensione”. Una decisione giustificata con il mancato rispetto degli standard della community e probabilmente legata alla “presenza di simboli o personaggi storici legati alla sfera fascista e nazista”.

Diversi utenti, infatti, avrebbero segnalato la pagina a Facebook, provocando il blocco che rischia di diventare definitivo: un’azione di persone che, secondo , “non sono ovviamente mosse da sincero fastidio per lo sfoggio di figure e simboli fascisti, ma sono del tutto strumentali e fatte per colpire quelle pagine, dai Sentinelli, all’Osservatorio Democratico Sulle Nuove Destre, all’Anpoi, che il lo combattono con armi democratiche”.

Da qui la richiesta a Facebook Italia di “rivedere queste modalità e creare, per fare un esempio, un pool di addetti parlanti la lingua del Paese che sappia distinguere la denuncia dall’apologia del fascismo”. Ma anche l’appello ai tesserati e ai cittadini “di protestare contro questa decisione scrivendo all’indirizzo [email protected]”.

IL TESTO DEL MESSAGGIO DA MANDARE A FACEBOOK

“Dear Facebook,
I’m writing to complain against the decision to obscure the “ANPI Brescia – Comitato provinciale” page.
This page is devoted to the cause of anti-racism, and anti-fascism. It provides a voice to an inspiring movement campaigning against all forms of discrimination. Therefore, I do believe it fully deserves to be back online ASAP.
Thanks”

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome