Si fermano le ricerche di Iuschra, oggi l’Altopiano riapre ai turisti

Il padre della ragazzina, comunque, non si dà per vinto e chiede a tutti gli abitanti delle zone limitrofe di tener alta l'attenzione

1
Iuschra, la 12enne scomparsa nei boschi di Serle
Iuschra, la 12enne scomparsa nei boschi di Serle

Impossibile contare quante volte il suo nome è stato urlato tra i boschi di Serle. Impossibile comprendere il dolore di un padre e di una madre che non trovano la figlia.

Da dieci giorni di non si hanno notizie: la si è cercata ovunque, sull’altopiano di . I volontari, gli uomini della Protezione Civile, del Soccorso Alpino, i Vigili del fuoco, le forze dell’ordine, i cani. Tutti l’hanno cercata, l’hanno chiamata, ma nulla.

Della ragazzina di 12 anni, autistica, che più di una settimana fa si è persa allontanandosi dal gruppo della Fondazione Fobap col quale era in gita non si è trovata alcuna traccia.

«Cerchiamola altrove» dice il papà della bambina, perchè oggi, dopo dieci giorni, le ricerche si fermano. Dopo aver passato al setaccio, palmo a palmo, 750 ettari di bosco e una miriade di grotte e cavità naturali, i soccorritori che si trovavano al campo base allestito a Serle stanno pian piano tornando alle loro dimore.

Uomini, animali e strumentazioni tra le più all’avanguardia non sono bastati a trovare la ragazzina. Iuschra pare svanita nel nulla.

Oggi l’altopiano sarà nuovamente accessibile ai turisti e agli escursionisti, che in caso di bisogno potranno comunque rivolgersi a due presidi di e dei .

Il padre della ragazzina, comunque, non si dà per vinto e chiede a tutti gli abitanti delle zone limitrofe di tener alta l’attenzione e segnalare un possibile avvistamento della figlia.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome