Valcamonica, i diserbi negli spazi pubblici intossicano i cittadini

Le operazioni di diserbo sono state effettuate ai margini delle strade, nelle aiuole, nei cimiteri, e nelle vicinanze di alcune chiese

1
diserbanti
diserbanti

Diserbante a tutto spiano e i cittadini che si ritrovano con bruciori agli occhi e difficoltà a respirare.

Succede in Valcamonica, dove tre persone hanno presentato un esposto all’ Montagna, alla della Repubblica e alla , denunciando l’uso di diserbanti nel trattamento degli spazi pubblici.

Secondo quanto riferito nell’esposto i diserbi sarebbero avvenuti a Bienno, Ceto, Saviore dell’Adamello e Berzo Demo: i trattamenti hanno portato a conseguenze negative per la salute dei cittadini e anche per alcuni spazi verdi privati, tra cui alcuni orti.

Oltre alla consapevolezza che per la manutenzione dello spazio pubblico i Comuni abbiano preferito, per un risparmio di tempo e denaro, i diserbi a falci e decespugliatori, il timore è che siano stati utilizzati diserbanti scaduti da tempo e ritenuti dunque ancor più dannosi.

Le operazioni di diserbo sono state effettuate ai margini delle strade, nelle aiuole, nei cimiteri, e nelle vicinanze di alcune chiese. E nonostante le richieste di informazioni riguardo al tipo di sostanze utilizzate, pare che i firmatari dell’esposto non abbiano ricevuto risposte soddisfacenti e che anzi siano state dette alcune falsità (per esempio che i diserbi avvengono solo di notte).

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome