Acqua, da agosto A2A cambierà a Brescia 28mila contatori

A partire dal mese di agosto, infatti, nella zona a sud della città, A2A Ciclo Idrico avvierà quella che si preannuncia come una delle innovazioni più importanti degli ultimi anni

1
Un contatore per la telelettura, foto d'archivio
Un contatore per la telelettura, foto d'archivio

Parte da Brescia la “rivoluzione” del ciclo idrico. A partire dal mese di agosto, infatti, nella zona a sud della città, Ciclo Idrico avvierà quella che si preannuncia come una delle innovazioni più importanti degli ultimi anni: la posa dei contatori smart per la telelettura dell’.

Un passo decisivo, che si inserisce nell’ambito dei programmi di miglioramento del servizio idrico integrato (SII) e nel solco delle indicazioni dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente, l’ARERA, sulla scorta dei quali A2A Ciclo Idrico ha voluto accelerare il rinnovamento del parco dei misuratori di sua proprietà installati nei Comuni serviti, con l’obiettivo di migliorare la qualità dei dati di consumo e di accrescere il monitoraggio ed il controllo degli stessi consumi.

Nei prossimi mesi verranno così sostituiti i misuratori attualmente posati con un nuovo misuratore omologato secondo la vigente Direttiva Europea MID e predisposto per il servizio di telelettura.

I lavori, come detto, partiranno nei quartieri a sud della città: primi ad essere coinvolti il Villaggio Sereno, Chiesanuova e Fornaci, con inizio lavori previsto il 2 agosto e termine per la fine del mese.

La data dell’intervento per la sostituzione del misuratore sarà comunicata da A2A Ciclo Idrico alcuni giorni prima, esponendo specifici avvisi ben visibili affissi in zona. Gli avvisi riporteranno l’indicazione dell’impresa che effettuerà la sostituzione del misuratore per conto di A2A Ciclo Idrico e i contatti telefonici ai quali gli utenti potranno rivolgersi per richiedere tutte le informazioni.

Gli utenti interessati stanno ricevendo dal mese di luglio una lettera di A2A Ciclo Idrico con riportate tutte le indicazioni e i riferimenti da contattare in caso di dubbi o necessità di chiarimenti.

Gli operatori incaricati delle sostituzioni dei misuratori saranno dotati di un tesserino di riconoscimento con fotografia e indicazione del nominativo dell’impresa delegata al cambio del misuratore da A2A Ciclo Idrico. Gli operatori non sono, in nessun caso, autorizzati a richiedere somme di denaro. Il tesserino è normalmente esposto o comunque deve essere prontamente esibito su richiesta.

Nel caso il misuratore esistente si trovasse all’interno dell’abitazione, e qualora l’utente non possa essere presente direttamente o tramite un Suo delegato nel giorno stabilito per la sostituzione, l’operatore incaricato al cambio lascerà una cartolina con indicato un contatto telefonico da richiamare per fissare un nuovo appuntamento.

La sostituzione del misuratore durerà pochi minuti durante i quali sarà interrotta l’erogazione idrica. L’utente può richiedere una verifica metrologica del misuratore sostituito.

Per avere informazioni in merito al progetto o alla tipologia di contatore installato è possibile consultare la sezione “Clienti/Cambio misuratori” del sito www.a2acicloidrico.eu.

Per eventuali chiarimenti contattare il numero verde 800 135845 oppure scrivere all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

L’entità del cambiamento: in città coinvolti 28mila contatori

Il piano attuato da A2A Ciclo Idrico prende le mosse dalla recente evoluzione normativa (DM 93/2017) finalizzata a sostituire i contatori di età superiore ai 10 anni.

La sostituzione del proprio parco contatori, e la scelta di passare alla telelettura dei consumi di acqua potabile, sono però innanzitutto il frutto della comprovata esperienza del Gruppo A2A in un settore che ha visto negli scorsi anni – attraverso le società Unareti e A2A Smart City –- la realizzazione in buona parte del territorio bresciano della rete in radiofrequenza che convoglia i dati teleletti dei consumi di gas.

Nel dettaglio, A2A Ciclo Idrico installerà contatori meccanici MID (acronimo in inglese di direttiva sugli strumenti di misura) con calibri compresi tra il DN 15 ed il DN 80 dotati di emettitori di impulsi autoalimentati, compatibili con centraline di telelettura. Si tratta di un nuovo misuratore, tecnologicamente all’avanguardia, che consentirà – per dare un esempio dei benefici che deriveranno all’utente – di poter fatturare sempre i volumi consumati anziché, come previsto oggi in ottemperanza alla normativa, alternare bollette a saldo con bollette in acconto.

In particolare, nel periodo che va da agosto a dicembre, verranno sostituiti circa 28.000 contatori a Brescia e circa 4.000 a Botticino.

Dal mese di dicembre inizieranno le sostituzioni nei comuni di San Paolo, Acquafredda, Fiesse, Gambara, Offlaga, Isorella, Bagnolo Mella e Gottolengo.

Nel biennio 2019-2020 verranno completate le sostituzioni negli altri 68 Comuni bresciani dove il Servizio Idrico Integrato è gestito da A2A Ciclo Idrico (elenco consultabile sul sito)

La telelettura permetterà così di superare la necessità dell’autolettura (o della verifica nelle abitazioni da parte di operatori), evitando così anche i tentativi di truffa da parte di falsi letturisti ai danni degli utenti.

L’installazione di questo tipo di contatore, con la possibilità di comunicazione giornaliera dei consumi, nonché di avere numerosi dati a disposizione, costituisce un ulteriore passo verso una gestione più efficiente della rete acquedottistica.

Questo sistema permetterà infatti ad A2A Ciclo Idrico di acquisire i consumi degli utenti in tempi più rapidi e con maggior precisione, con l’obiettivo di controllare nel futuro – via via che si svilupperà anche la distrettualizzazione ( suddivisione della rete di acquedotto in tante reti virtuali in cui viene misurata l’acqua in ingresso e in uscita) delle reti idriche già avviata nel corrente anno – il bilancio idrico di ciascuna zona della città e dei Comuni della provincia. Con la distrettualizzazione associata alla telelettura sarà così possibile avere dati precisi su quanto viene immesso nella rete acquedottistica e su quanto contemporaneamente prelevato nello stesso intervallo di tempo evidenziando con maggior precisione se vi sono consumi anomali.

Con il nuovo sistema sarà anche possibile, nel caso di anomalie nella fornitura, fornire servizi aggiuntivi per il cliente: oltre al dato di consumo giornaliero e mensile, le portate minime e massime nelle 24 ore e i consumi notturni, la centralina sarà in grado di storicizzare il consumo.

Tali informazioni saranno necessarie anche per poter individuare comportamenti anomali nei consumi dei clienti, che spesso riflettono una perdita, e informarli tempestivamente del problema.

Sarà inoltre possibile riconoscere in tempo reale i contatori guasti che altrimenti verrebbero individuati solo su segnalazione del cliente finale o del letturista, nonché di poter monitorare da remoto la funzionalità della rete e di poter intervenire in modo tempestivo e programmato per la risoluzione delle anomalie.

La telelettura, in conclusione, è solo l’inizio di un piano di modernizzazione delle reti acquedottistiche e fognarie che culminerà nell’installazione di sensori – “appoggiati” alle reti in radiofrequenza – che permetteranno di monitorare i dati principali di funzionamento quali le portate e le pressioni sulle reti acquedottistiche nonché le portate, i livelli e la qualità degli scarichi nelle reti fognarie.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Finalmente potremo riuscire ad avere le letture più precise. E poi, con gli aumenti spropositati delle tariffe negli ultimi 5 anni la sostituzione del contatore è strapagata….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome