Ordine di cattura internazionale per Spartaco, il mercenario bresciano

Cavalleri in Italia faceva l'operaio, ora in Ucraina imbraccia il fucile e veste una divisa militare. Numerose sul web le sue foto, i video e le interviste

1
Il combattente Spartaco - foto da Facebook
Il combattente Spartaco - foto da Facebook

Si fa chiamare Spartaco, ma il suo vero nome è Massimiliano Cavalleri.

È bresciano, ha 42 anni e sulla sua testa pesa un ordine di cattura internazionale, perchè dal 2014 combatte per i guerriglieri filo-russi in Donbass, in .

Cavalleri in Italia faceva l’operaio, ora in Ucraina imbraccia il fucile e veste una divisa militare. Numerose sul web le sue foto, i video e le interviste.

Il suo nome – che lui ha sostituito con quello del noto gladiatore – è emerso a seguito di un’indagine che i e la della Repubblica di , coordinati dal procuratore capo Francesco Cozzi e dal procuratore della Dda Federico Manotti, portano avanti da tempo e riguardante gli skinheads liguri e il reclutamento di combattenti in Ucraina.

Mentre tre dei compagni di Spartaco sono stati già raggiunti e arrestati, di lui non vi è traccia. È probabile che il mercenario si trovi ancora nella regione di Donbass, dove la sua lotta non si limita ad essere una battaglia a fianco dei miliziani separatisti dell’Ucraina Orientale, ma è anche una lotta per l’Italia.

Insieme a Spartaco-Cavalleri mancano all’appello Andrea Palmeri, il «Generalissimo», 38enne ex ultras della Lucchese e Gabriele Carugati, figlio dell’ex segretaria della Lega Nord di Cairate, provincia di Varese.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome