Caso Andrea Cittadini: annullato il sequestro di tablet e cellulare

Il giudice ha dichiarato illegittimo e annullato il provvedimento di sequestro eseguito dai carabinieri del Ros, decretando la restituzione dei materiali e delle copie

0
Andrea Cittadini
Andrea Cittadini

Svolta importante nel caso di Andrea Cittadini, il giornalista bresciano di Ansa e Giornale di Brescia indagato – con il sequestro di tablet e telefono cellulare – per istigazione alla violazione del segreto d’ufficio per alcune notizie date in relazione alle vicende della scomparsa dell’imprenditore Mario Bozzoli (8.10.2015) e alla sparizione di una giovane palazzolese, poi ritrovata (febbraio 2017).

Il giudice, infatti – secondo quanto riferisce l’edizione on line del – ha dichiarato illegittimo e annullato il provvedimento di sequestro eseguito dai carabinieri del Ros di Brescia, decretando la restituzione dei materiali informatici al giornalista (comprese le copie legali).

Si tratta dunque di una vittoria importante per il giornalista e per i suoi sostenitori. A sua difesa, infatti, con parole anche forti si erano espressi l’Ordine nazionale dei giornalisti, il sindacato, i cdr di Giornale di Brescia e Bresciaoggi e diversi parlamentari.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome