Anatre morte nel canale, la polmonite non c’entra

Le analisi effettuate sulle carcasse degli animali hanno fatto emergere risultati differenti rispetto a quelli che erano stati ipotizzati anticipatamente

0
Recupero delle anattre nel canale Fossa Magna a Carpenedolo
Recupero delle anattre nel canale Fossa Magna a Carpenedolo

Nessun collegamento tra le anatre rinvenute senza vita nella Fossa Magna a Carpenedolo e i 34 casi di registrati in paese.

Le analisi effettuate sulle carcasse degli animali avrebbero infatti fatto emergere risultati differenti rispetto a quelli che erano stati ipotizzati anticipatamente.

Le anatre sarebbero morte a causa di una tossina botulinica che si sviluppa nell’acqua a temperature elevate.

In questo caso la tossina botulinica, che è letale per alcune specie di volatili, si sarebbe diffusa nel canale semiasciutto e nei terreni circostanti.

Le analisi condotte dall’ di Brescia consentono dunque di escludere non soltanto un nesso con i numerosi casi di polmonite ma anche con una epidemia di influenza aviaria, che meno di un anno fa aveva costretto tanti allevatori ad abbattere un milione e mezzo di esemplari e mandare al macero quasi due milioni di uova.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome