Brescia, via alla mostra su Padre Ruggeri: l’innovatore dell’arte sacra

L'esposizione - che è ospitata da Palazzo Martinengo di Brescia e rimarrà aperta fino al 30 settembre - si intitola "Un monumento per padre Costantino"

1
Padre Costantino Ruggeri
Padre Costantino Ruggeri

Sarà visitabile dall’inaugurazione di questa sera, prevista per le 18, la mostra didattica promossa dalla  Eventi, guidata da , con l’Accademia Santa Giulia, la Fondazione Frate Sole di Pavia e il patrocinio del Comune di Adro.

L’esposizione – che è ospitata da di Brescia e rimarrà aperta fino al 30 settembre – si intitola “Un monumento per padre Costantino” ed è dedicata alla suggestiva figura del francescano che ha dato vita ad un’architettura votata all’essenzialità, amico dei massimi rappresentanti dell’arte italiana a lui contemporanei: Fontana, Sironi, Morandi, De Pisis, Manzù, Carrà, ma anche Le Corbusier, incontro decisivo per la sua ricerca personale.

La mostra raccoglie gli omaggi a Padre Costantino da parte dei corsi di Scultura, Pittura,
Interiori Design dell’Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia, raccolti sotto il coordinamento dei professsori Agostino Ghilardi (studenti di Scultura e Pittura), Alberto Mezzana (con gli studenti di Design System, biennio specialistico) e Riccardo Romagnoli (con gli studenti di Metodologia della Progettazione, secondo anno del triennio).

CHI ERA PADRE COSTANTINO RUGGERI

Padre Costantino Ruggeri, nato a Adro (BS) il 16 ottobre 1925 e deceduto a Merate, 25 giugno 2007, è stato un pittore e scultore italiano, ideatore e costruttore di 30 nuove chiese, di grandi vetrate diffuse in tutta Italia e all’estero. E’ stato un innovatore dell’arte sacra, realizzatore della Fondazione Frate Sole allo scopo di premiare, ogni quattro anni a partire dal 1996, nell’ambito delle Architettura Sacra per la realizzazione di nuovi edifici religiosi in tutto il mondo.

ORARI E CONTATTI DELLA MOSTRA

sabato dalle 9,30 alle 18,30
domenica dalle 9,30 alle 13,00
Info e prenotazioni 338.7703622
15 – 30 SETTEMBRE 2018

 

 

 

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome