Noto gallerista in carcere: è accusato di aver violentato una prostituta

Il gallerista accusato di stupro era già finito nei guai per bancarotta fraudolenta: nella sua abitazione era stato trovato anche un quadro da 25 milioni

0
Prostitute in strada
Prostituzione di stada

Sono scattate le manette per un notissimo gallerista di Cremona, che – nella serata di mercoledì – è stato arrestato dalle forze dell’ordine in esecuzione di una ordinanza del Tribunale di Brescia.

VIOLENZA SESSUALE AI DANNI DI UNA PROSTITUTA

Pesanti sono le accuse a suo carico mosse dai giudici: violenza sessuale e rapina. I fatti risalgono al mese di luglio. Secondo quanto ipotizzato dai giudici, infatti, l’uomo – di origine iraniana – si è recato in trasferta a Brescia e ha fatto salire sulla sua auto una prostituta per consumare un rapporto. A quel punto, però, il gallerista avrebbe minacciato la donna, costringendola ad avere un rapporto sessuale non protetto. Infine le avrebbe rubato il cellulare (forse per impedirle di chiamare i ) e si sarebbe dato alla fuga. La denuncia della presunta vittima era scattata pochi giorni dopo. E nelle scorse ore – dopo una lunga indagine – la Procura di Brescia ha ordinato l’arresto. Ora si trova nel carcere Nerio Fischione (Canton Mombello).

I PRECEDENTI: BANCAROTTA E RICETTAZIONE DI UN QUADRO MILIONARIO

Il gallerista accusato di stupro, peraltro, era già noto alle forze dell’ordine e alla magistratura. In passato, infatti, era già finito nei guai per bancarotta fraudolenta. Nelle sue disponibilità erano stati trovati anche un quadro di Rubens (Venere e Adone) del valore di circa 25 milioni di euro e una preziosa tela di Guido Reni: Giuseppe che trattiene la moglie di Putifarre.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome