Pontevico, cittadinanza onoraria per monsignor Antonio Tomasoni

L'ormai ex Abate fu ordinato sacerdote nel ’67 e arrivò a Pontevico nel 2006 dopo le precedenti esperienze a Verolavecchia

0
Il sindaco di Pontevico Roberto Bozzoni consegna la cittadinanza onoraria a don Tomasoni, foto da ufficio stampa
Il sindaco di Pontevico Roberto Bozzoni consegna la cittadinanza onoraria a don Tomasoni, foto da ufficio stampa

L’annuncio anticipato lo scorso giugno dal sindaco Roberto Bozzoni durante la Santa Messa di congedo dell’Abate, monsignor Antonio Tomasoni, è diventato realtà. Dopo dodici intensi anni di servizio dedicati a tutta la comunità pontevichese, monsignor Tomasoni, che per raggiunti limiti d’età ha terminato il suo incarico, ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Pontevico.

Un modo ricco di significato per dire grazie a chi in tutti questi anni si è speso per l’intero paese: “Come Amministrazione Comunale ci è sembrato giusto sottolineare la gratitudine della comunità a monsignor Tomasoni – è la spiegazione del sindaco Roberto Bozzoni – conferendogli la cittadinanza onoraria di Pontevico. Per dodici anni si è prodigato per i pontevichesi, cercando di portare avanti non solo il suo impegno religioso, ma svolgendo pure un ruolo sociale, formativo ed educativo molto importante che ci è piaciuto porre in evidenza. Un piccolo segno per un legame che continuerà al di là della frequenza quotidiana”.

Un’attestazione di stima che ha commosso monsignor Tomasoni, classe 1942, che al termine del suo servizio pastorale ha ribadito di abbracciare con affetto tutti i pontevichesi. Le strade, adesso, si sono divise, ma quello che è stato costruito nei dodici anni condivisi rimarrà quale prezioso regalo incancellabile. Per l’ormai ex Abate, ordinato sacerdote nel ’67 e giunto a Pontevico nel 2006 dopo le precedenti esperienze a Verolavecchia, come vicedirettore del Seminario, a Ciliverghe, a Montichiari, e Nave, la bella testimonianza che quanto è stato seminato in terra pontevichese continuerà a portare i suoi frutti. Per lui, che dopo essere giunto quale Abate di Pontevico nel 2006 (diventando anche presidente dell’Istituto Bassano Cremonesini onlus e presidente e rappresentante legale della Scuola Paritaria Maddalena di Canossa di Pontevico) l’anno seguente è diventato Parroco anche di Bettegno, Torchiera e Chiesuola, un’emozione più in queste giornate che gli hanno permesso di “toccare con mano” l’affetto dei pontevichesi nel momento in cui monsignor Antonio Tomasoni potrà dedicarsi ad una nuova pagina del suo servizio sacerdotale. Un tratto del tutto nuovo del suo percorso di vita e di fede che riserverà però sempre un occhio di riguardo a Pontevico e alla sua gente, della quale, d’ora in poi, sarà anche concittadino onorario.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome