Mitragliatrici da guerra e pistole in casa: arrestati due bresciani

Rischiano una pena davvero pesante i due bresciani di 52 e 59 anni finiti nella rete dei Carabinieri con l'accusa di traffico d'armi

1
Una mitragliatrice da guerra tedesca, foto d'archivio
Una mitragliatrice da guerra tedesca, foto d'archivio

Rischiano una pena davvero pesante i due bresciani di 52 e 59 anni finiti nella rete dei con l’accusa di traffico d’armi. Secondo quanto ricostruito dai militari, i due – che si trovano ora nel carcere Nerio Fischione ( –  gestivano senza alcuna autorizzazione un traffico di armi della seconda Guerra mondiale: pistole, ma anche mitragliatrici e armamenti più pesanti.

IL BLITZ DEI CARABINIERI

Venerdì, su ordine della Procura, i militari delle stazioni di Rovato e Vestone (sotto il coordinamento del comando provinciale) hanno suonato alle loro abitazioni. Lì hanno trovato diverse armi: il sospetto è che non si trattasse solo di collezionismo, ma che fossero destinate al commercio illegale. A supportare queste ipotesi, secondo quanto riporta il Giorno, ci sarebbero anche la testimonianza di una persona avvicinata dalla coppia e i precedenti specifici di uno dei due arrestati.

Ora i carabinieri stanno cercando di acquisire ulteriori prove e di risalire agli eventuali compratori delle armi.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome