Fondazione Bonoris, ai bambini in difficoltà 487mila euro

Fondazione Bonoris: la riunione annuale della Commissione Erogatrice per il sostegno ad oltre 40 realtà non profit di Brescia e Mantova

0
Una bambina con stampelle
Una bambina con stampelle

Il termine per la presentazione delle domande di contributo per l’anno 2018 alla Fondazione Conte Gaetano Bonoris è scaduto il 30 settembre e la Commissione Erogatrice si è riunita martedì 9 ottobre deliberando complessivamente 486.603 euro in favore di 43 enti ed associazioni dedite alla cura e all’accompagnamento dei minori meno fortunati delle province di Brescia e Mantova.

È dal 1928 che la Fondazione Bonoris – istituita per volontà del deputato monteclarense Gaetano Bonoris (1861-1923), che volle affidarla all’amministrazione dei Confratelli della Congrega – persegue lo scopo di «promuovere e sussidiare istituti, enti e organizzazioni in genere […] delle Province di Brescia e di Mantova in parti uguali, che abbiano per fine anzitutto di prestare aiuto e protezione a minori e giovani privi del sostegno familiare».

La Commissione per statuto è composta da tre membri, indicati dai vescovi di Brescia e di Mantova e dalla famiglia Soncini, cui apparteneva la madre del conte Bonoris. Presenti alla riunione di martedì mons. Gaetano Fontana, mons. Paolo Gibelli e il dr. Ercole Soncini.

Sono 27 i progetti sostenuti sul territorio bresciano, 16 su quello mantovano e hanno riguardato progetti meritevoli di enti a favore del disagio e della disabilità minorile (assistenza alle famiglie in difficoltà, integrazione di profughi, rifugiati ed immigrati, gestione comunità e spazi per famiglie, creazione poli di aggregazione giovanile e intervento a supporto della disabilità con lo scopo di migliorare l’inclusione sociale).

Trascorsi novant’anni dal gesto di generosità e di fiducia da parte del conte Gaetano Bonoris, l’operato della sua Fondazione in favore dei minori bresciani e mantovani attesta, una volta di più, il valore del dono, che si dimostra capace anche di passare attraverso le generazioni.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome