Sub polacco scomparso nel lago, trovato senza vita a -284 metri

Il subacqueo è stato individuato dai sonar a 284 metri di profondità, non lontano dalla linea di immersione e con ancora addosso tutta l'attrezzatura

0
Guardia Costiera
Guardia Costiera

È stato trovato senza vita il corpo di Adam Krzystof Pawlik, il sub polacco scomparso il weekend scorso nelle acque del lago di Garda.

Il sub polacco, un cinquantenne di Katowice, era sul lago con amici da circa una settimana: sabato si era immerso da solo, per tentare di battere il record di immersione alla profondità di – 316 metri, stabilito la settimana precedente dall’amico Jerek Macedoski. Secondo alcune voci, però, Adam avrebbe persino avuto l’intenzione di battere il record mondiale di -332, stabilito però nel Mar Rosso.

Per queste ragioni le ricerche  si erano da subito concentrate in profondità grazie all’intervento di sommozzatori e di strumenti messi a disposizione dai di Trento e di Milano e dei Volontari del Garda. Con loro anche gli uomini della e della squadra nautica della di Riva.

Il subacqueo è stato individuato dai sonar a 284 metri di profondità, non lontano dalla linea di immersione e con ancora addosso tutta l’attrezzatura.

Dopo il sopralluogo del medico legale il corpo di Adam è stato trasportato all’ospedale di Gavardo in attesa di rientrare in Polonia ed essere consegnato alla famiglia.

Non è stata disposta alcuna autopsia. Questo non è il primo caso di morte di un sub polacco nel lago di Garda: in molti infatti vengono dalla Polonia e da altri paesi dell’Est Europa per tentare nuovi record e allenarsi nelle acque profonde del lago, che però nasconde non poche insidie.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome