Sfondano la porta del ristorante e fuggono con 3 euro, arrestati due ladri

Ancora una volta, la segnalazione che ha permesso alle auto di intervenire è partita poco dopo la mezzanotte dal telefono di un cittadino che, udito un forte rumore, ha subito pensato si trattasse di un furto

0
Pochi euro, foto generica
Pochi euro, foto generica

La Squadra Volante della , nella notte di giovedì, ha arrestato due uomini autori di furto in un ristorante di Bresciadue.

Ancora una volta, la segnalazione che ha permesso alle auto di intervenire è partita poco dopo la mezzanotte dal telefono di un cittadino che, udito un forte rumore, ha subito pensato si trattasse di un furto. Dalla sua finestra, l’uomo ha descritto un individuo che cercava di entrare da una porta finestra di un ristorante, già divelta e con il vetro andato in frantumi. L’osservatore ha descritto anche l’auto vicina, comunicandone modello, colore e targa.

Le volanti della Polizia, già sulle strade della città per il servizio notturno, sono state convogliate dalla Sala Operativa nella zona. Ma prima del loro arrivo, il ladro è riuscito ad allontanarsi – raggiungendo un’utilitaria che lo aspetta fuori – con i cassetti del registratore di cassa.

Una volante ha intercettato e bloccato la vettura, identificando i due uomini a bordo: si tratta di due italiani con precedenti di 36 (il conducente) e 47 anni l(’autore del furto). Mentre una seconda pattuglia ha recuperato i due cassetti vuoti del registratore di cassa visti gettare dal finestrino dai lungo il percorso. Nell’auto i due nascondevano due pesi di ferro utilizzati per sfondare la vetrina e il magro bottino del colpo: 3 euro e 58 centesimi trovati nel registratore di cassa.

In sede di udienza con rito direttissimo, è stato convalidato per entrambi l’arresto per furto aggravato in concorso. Il più giovane è stato rimesso in libertà in attesa del processo; per il 47enne, invece, accusato anche di possesso di strumenti di effrazione, è stata disposta la custodia cautelare in carcere.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome