Polmoniti, l’Ats alza la guardia con l’arrivo dell’influenza

Continua a preoccupare l'epidemia di polmonite che nell'ultimo mese ha colpito la provincia di Brescia, e in particolare la Bassa bresciana

0
Ambulanza 118
Un mezzo di soccorso del 118 interviene con barella

Continua a preoccupare l’epidemia di che nell’ultimo mese ha colpito la provincia di Brescia, e in particolare la Bassa bresciana.

La vittime certificate, infatti, sono almeno due e i casi di contaagio rilevati oltre 800 (uno su dieci con ). Con l’arrivo dell’influenza stagionale, poi, il rischio di un nuovo focolaio è davvero reale.

Durante gli ultimi due inverni, infatti, la media dei ricoveri per polmoniti è risultata pressoché doppia rispetto ad agosto e settembre: dunque anche per quest’anno ci si aspetta un notevole incremento delle polmoniti. Nella maggioranza dei casi, però – va precisato – il vettore del male non è la legionella, ma il batterio pneumococco, contro cui esiste anche un vaccino.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome