Peluffo, Zanardi, Gaglia: tre scelte del Pd e il triangolo di Penrose

Guardandolo si vede certo un qualcosa di strano e di sorprendente, ma sbagliato non è il disegno della figura geometrica, bensì lo schema con cui lo si interpreta

3
Claudio Bragaglio
Claudio Bragaglio

di Claudio Bragaaglio – Nel motivare in una riunione il senso politico complessivo dei tre nominativi  che meritano d’esser eletti – Peluffo, Zanardi, Gaglia – e che sostenevo per il   di regione, provincia e città, m’è capitato di far ricorso all’immagine, per nulla originale, d’un  triangolo. Un qualche interrogativo, più che obiezioni, sulle diversità anche dei vari sponsor per ciascuno di loro tre.

Nessun problema. Anzi.

E’ un po’ come con il triangolo di Penrose, ho detto. Guardandolo, questo triangolo, si vede certo un qualcosa di strano e di sorprendente. Ma sbagliato non è il disegno del triangolo, bensì lo schema con cui lo si guarda e lo si interpreta.

Stessa cosa per lo schema politico…nel caso nostro. Non i singoli lati, ovvero le singole correnti, sottocorrenti od antipatie politiche. Ma l’insieme, è quel che prevale ed è da guardare. Appunto, il disegno nel suo insieme, nella sua unitarietà. Sembra asimmetrico per colori, per angoli e prospettive – un po’ come nei famosi disegni con le scale sconnesse di Escher – ma in realtà l’insieme è un triangolo perfetto.

Ovviamente per quanto di perfezione (sic!) si possa parlare in politica in tempi così sconnessi e per giunta col timore dei troppi triangoli scaleni, mi verrebbe amaramente da dire, pensando a come si stanno scombinando e finora sgangherando tra loro le varie candidature del PD nazionale. Zingaretti, Martina, Minniti, Damiano: quattro possibili candidature di estrazione diessina – su cinque – in un partito che si vorrebbe di centro sinistra. Un capolavoro di follia.

Ma a Brescia a maggior ragione dopo la grande vittoria di Del Bono in città ed in queste ore di Samuele Alghisi in Provincia – anche con un PD nazionale malconciato – si può invece fondatamente ben sperare…

Ma non con la retorica degli accorati appelli all’unità, che in politica servono ad un bel nulla. O con quell’unità pelosa di chi la vorrebbe realizzare, ma soltanto sulle proprie dita ed imponendo le proprie scelte. E c’è pure del peggio, perché in taluni casi non mancano appelli fatti da chi da tempo occhieggia a scissioni, liquidazioni, revanscismi. A farsi un nuovo e proprio partito personale in alternativa al PD.

Ciò che può – che deve! – aver senso è invece una politica lungimirante, che rispetta, valorizza e non rottama il pluralismo interno del PD e del Centro Sinistra. Che un pezzo alla volta – come un lato dopo l’altro in geometria – l’unità la costruisce con scelte, alleanze, clima politico, candidature e valide battaglie politiche per un nuovo Pd.

* Presidente assemblea regionale Pd

Il triangolo di Penrose
Il triangolo di Penrose

Comments

comments

3 Commenti

  1. Riflessione interessante. E pensavo che anche a livello nazionale si potrebbe rispolverare un triangolo: Martina, Minniti, Zingaretti a contendersi la segreteria nazionale ed il traghettamento non poco ansiogeno verso le Europee dell’anno prossimo. E quindi ? Con “gli appelli all’unità che in politica nulla valgono”, Minniti segretario, Martina vice e Zingaretti fatto fuori con i renziani sempre ed ancora di più in sella. Il triangolo evocato è allora quello…delle Bermude con la nave piddina che scompare tra i flutti delle elezioni del 2019. A quel punto, per far tornare i numeri (e gli elettori), qualcuno dovrà rispolverare il triangolo di Tartaglia…

  2. Stradivarius sentivo da tempo la tua mancanza. Grazie d’avermi fatto persino dissotterrare il (del tutto dimenticato) triangolo di Tartaglia, con quelle sue potenze del binomio che dà l’idea d’una progressione decisamente crescente, ma che in fatto di elettorato temo che il PD per molto tempo si sognerà. Pur stando alla larga dalla scalogna nera delle tue Bermude, penso che di triangoli virtuosi se ne sian visti alcuni a livello locale (Del Bono in Loggia p.e.), ma subito contraddetti dal risultato devastante e prontamente silenziato del Trentino. I triangoli scarseggiano pure in virtuosità, mentre se ne moltiplicano tanti per confusione, a livello nazionale. Spero la volta prossima almeno di poterti smentire. Ma per ora …no!

  3. Stradivarius sentivo da tempo la tua mancanza. Grazie d’avermi fatto persino dissotterrare il (del tutto dimenticato) triangolo di Tartaglia, con quelle sue potenze del binomio che dà l’idea d’una progressione decisamente crescente, ma che in fatto di elettorato temo che il PD per molto tempo si sognerà. Pur stando alla larga dalla scalogna nera delle tue Bermude, penso che di triangoli virtuosi se ne sian visti alcuni a livello locale (Del Bono in Loggia p.e.), ma subito contraddetti dal risultato devastante e prontamente silenziato del Trentino. I triangoli scarseggiano pure in virtuosità, mentre se ne moltiplicano tanti per confusione, a livello nazionale. Spero la volta prossima almeno di poterti smentire. Ma per ora …no!

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome