Il lago di Garda salva il Veneto dalla piena, ma ora si teme per l’ambiente

Lo scolmatore - aperto dalla mezzanotte di martedì fino a giovedì sera - ha scaricato nel più grande lago italiano 350 metri cubi al secondo di acqua

0
Aperto lo scolmatore del Garda: la piena del fiume Adige si riversa nel lago
Aperto lo scolmatore del Garda: la piena del fiume Adige si riversa nel lago

Il Basso Trentino e l’Alto Garda sono salvi ed hanno evitato allagamenti che avrebbero potuto fare stragi. Ma le condizioni del Garda preoccupano molti. Dopo le grandi piogge e il vento dei giorni scorsi, infatti, le autorità che gestiscono il bacino idrico hanno deciso di riaprire lo scolmatore artificiale di Torbole, in provincia di Trento.

Lo scolmatore – aperto dalla mezzanotte di martedì fino a giovedì sera – ha scaricato nel più grande lago italiano 350 metri cubi al secondo di acqua. Il risultato è un aumento significativo dei livelli del lago e una “marea” di detriti che si sono riversati nelle acque del Benaco: rami, rifiuti, fango, foglie, tronchi e quant’altro (alcune fonti non escludono anche la presenza di sostanze inquinanti), portati dalle acque del fiume Adige in piena. Come era avvenuto – in forma minore – anche sul lago di Iseo.

Una misura eccezionale, i cui effetti ora potrebbero vedersi anche nel Bresciano. Anche perché pure il fiume Sarca ha scaricato il suo abbondante carico di detriti nel Garda. La raccolta nei porti e sulle spiagge è già iniziata, ma il grosso – inesorabilmente – finirà col tempo sui fondali. Nel frattempo il livelli del lago sono saliti di oltre 30 centimetri, coprendo alcune spiagge.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome