Treni, i pendolari contro Regione e Trenord: basta con tagli e disagi

A firmarla sono i cinque rappresentanti dei viaggiatori nella Conferenza Regionale del Trasporto Pubblico Locale a Regione Lombardia

0
Treni, foto d'archivio
Treni, foto d'archivio

I bresciani e lombardi, esasperati dalle carenze del servizio di trasporto su rotaia, hanno deciso di inviare oggi una lettera alla Regione per chiedere nuove azioni concrete al fine di migliorare la qualità del servizio ferroviario.

A firmarla sono i cinque rappresentanti dei viaggiatori nella Conferenza Regionale del Trasporto Pubblico Locale a Regione Lombardia, che danno conto dei continui disagi di chi viaggia e puntano nuovamente il dito contro .

“Mentre scriviamo – si legge – decine di corse in tutta la Regione sono state unilateralmente cancellate da Trenord, intere linee cancellate ed autosostituite, migliaia di pendolari rimangono a terra. La società motiva questa disfatta con problemi di manutenzione di materiale rotabile trentennale (che in altre regioni funziona senza problemi), il che ancora una volta suona come una presa di responsabilità, essendo la manutenzione programmata di tali all’interno della piena responsabilità dell’impresa ed evidentemente non effettuata in maniera efficace come da molti mesi ormai denunciato sia da noi rappresentanti dei viaggiatori che dai sindacati”.

IL DOCUMENTO INVIATO ALLA REGIONE

Sono ormai passati un anno e mezzo dai primi gridi d’allarme di noi pendolari sulle nefaste conseguenze che avrebbe portato la gestione di Trenord.
“inadeguata manutenzione, insufficiente reintegro di personale, inadeguatezza del management”, questi erano i punti su cui abbiamo insistito. Temevamo una Caporetto.
A distanza di un anno e mezzo, è andata peggio di quanto avremmo potuto immaginare, nonostante ai nostri allarmi avessimo fatto seguire anche proposte concrete e costruttive, sistematicamente inascoltate.
A meno della sostituzione dell’Amministratore Delegato – misura necessaria ma da sola largamente insufficiente – nulla è stato fatto per rimarginare il disastro, ormai sotto gli occhi di tutti.

La politica, in una apparente campagna elettorale permanente, si è prodigata in enormi promesse senza concreti risvolti pratici, ignorando sistematicamente anche le più immediate dritte provenienti dai tecnici trasportisti.
Il Presidente Fontana, nonostante si voglia erigere a paladino dei pendolari, non si è mai neanche “abbassato” ad un incontro con i suoi rappresentanti, guidando senza il minimo coinvolgimento delle parti interessate scelte apparentemente più grandi delle sue competenze, rischiando in più occasioni di apportare più danno che beneficio.
La società Trenord, lungi dall’essere in qualche modo riportata a ragionevolezza, è stata lasciata libera di operare nella più ampia libertà, e peggio ancora di continuare con le politiche e strategie precedenti.

Nonostante la chiara disfatta, nonostante le grida disperate da parte dei pendolari e dei rappresentanti dei lavoratori (il sindacato OrSa, dalla tanta preoccupazione, si è addirittura spinto a fare nomi e cognomi dei presunti responsabili), nonostante ormai la vergogna di quanto fatto in Lombardia sia montata alla scala nazionale, gli artefici della Caporetto sono ancora saldi nelle loro posizioni o in alcuni casi hanno addirittura fatto carriera, la politica regionale ancora si arrovella su improbabili soluzioni senza un confronto schietto e costruttivo con chi ne ha le competenze, le ferrovie lombarde restano ancora in mano ad una struttura apparentemente inefficiente ed inadeguata, lungi da quella svolta meritocratica e basata sulle competenze che – più che improbabili cambi di logo sulle divise dei macchinisti – avrebbe potuto essere l’unica vera soluzione di svolta.

La stampa ormai, travolta dalla autentica valanga di disservizi che Trenord non è più in grado nemmeno di conteggiare, riporta all’opinione pubblica uno stillicidio di improbabili proposte: politici che vaneggiano soluzioni derivanti da inconsistenti interventi da parte di altre aziende, altri che “semplicemente” attendono che arrivino treni nuovi come fosse manna dal cielo, dirigenti aziendali che propongono come unica soluzione alla propria incapacità quella di… cancellare i treni che essi stessi sarebbero preposti a garantire.

“Tagli” e “gomma” sono le parole che sembrano più in voga attualmente all’interno di Trenord. Lo stesso nuovo AD sembra sposarle appieno, in un assurdo siparietto in cui colui che dovrebbe essere il primo promotore del servizio ferroviario propone di sopprimerlo.
Tagli e gomma sono le parole che i pendolari sempre più chiedono a gran voce, ma non nei confronti del servizio, quanto di chi è responsabile di tutta questa disfatta. Taglio di quei manager che hanno osinora dimostrato incapacità e che hanno avuto la responsabilità di portare una Trenord eccellenza europea alla attuale Trenord ombra di sé stessa. Gomma per cancellare dall’organigramma tutti quei personaggi che in un modo o nell’altro “remano contro”.

I rappresentanti dei viaggiatori non possono che rilevare la sempre crescente insoddisfazione di chi ogni giorno è costretto a sopportare i disagi, e la sempre maggiore insofferenza per chi anziché guidare verso un miglioramento progressivo del sistema ferroviario regionale (in linea con quanto avviene nel resto d’Europa) sembra assecondare ancora una volta le scelte di quei sedicenti manager che propongono come soluzione ancora una volta la contrazione e la riduzione del servizio, con buona pace non solo dell’ambiente ma di tutto il sistema produttivo, economico e sociale lombardo.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome