Colluso con la ‘ndrangheta, la Dia gli confisca più di 50 immobili

Dopo la condanna a quattro anni e sei mesi, la Direzione Investigativa Antimafia di Brescia ha provveduto a confiscargli quote societarie e numerosi beni immobiliari

0
Direzione Antimafia

Dopo la a quattro anni e sei mesi, la Direzione Investigativa Antimafia di Brescia ha provveduto a confiscargli quote societarie e numerosi beni immobiliari.

Nel mirino della DIA bresciana è finito un imprenditore edile di Crotone ma residente nel mantovano da diverso tempo, accusato di agevolare la attività illecite delle cosche mafiose in Lombardia, oltre che di falsa testimonianza e favoreggiamento.

All’uomo, titolare di una società immobiliare, sono state confiscate quote societarie, 48 immobili in provincia di Mantova e 11 immobili in provincia di Crotone, tra cui appartamenti, magazzini, garage, fabbricati.

La confisca ha riguardato inoltre proprietà dei familiari dell’imprenditore, un’automobile e prodotti finanziari per un valore totale di oltre 5 milioni di euro.

Le indagini che hanno portato all’esecuzione della confisca e alla sua condanna sono state svolte dalla Sezione Operativa DIA di Brescia e coordinate dalla della Repubblica, Direzione Distrettuale Antimafia.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome