Freccia Rossa, 33enne aggredito a calci e pugni finisce in ospedale

Il 33enne (ex pugile) sarebbe stato raggiunto da da due italiani - di età tra i 25 e i 30 anni - che lo avrebbero improvvisamente colpito

0
Un episodio di violena: ennesima aggressione a Brescia
Un episodio di violenza: ennesima aggressione a Brescia

Brutto episodio, nel tardo pomeriggio di ieri, al centro commerciale di Brescia. Un giovane di 33 anni (R.B.), infatti – secondo quanto raccontato dal diretto interessato, che ha contattato telefonicamente la redazione di BsNews.it – sarebbe stato aggredito due sconosciuti italiani mentre passeggiava con la moglie nella hall del centro.

L’episodio è avvenuto intorno alle 19 di domenica. Il 33enne (ex pugile) sarebbe stato raggiunto da da due italiani – probabilmente del Sud, di età tra i 25 e i 30 anni, accompagnati da una ragazza più giovane – che avrebbero improvvisamente iniziato a prenderlo a pugni (forse a scopo di rapina). Mentre un secondo, evidentemente esperto di arti marziali, lo avrebbe colpito con un calcio alla rotula per farlo cadere. A terra, quindi, avrebbero continuato a picchiarlo – sotto gli occhi increduli di diversi testimoni – prima di darsi alla fuga.

La giovane vittima, che ha spiegato di non aver mai visto prima i suoi aggressori, è stata portata in ospedale, prima al Sant’Anna e poi al Civile, dove gli hanno riscontrato una frattura al ginocchio destro (rischia l’operazione).

+++ AGGIORNAMENTO +++

Sull’accaduto, nel pomeriggio, è arrivata la nota della direzione del centro commerciale Freccia Rossa. “il management – si legge – esprime il massimo rammarico per l’accaduto e sottolinea che la sicurezza dei propri ospiti rappresenta da sempre una priorità inderogabile. L’azienda tiene, inoltre, a precisare che condanna qualsiasi forma di e si impegna quindi a tenere alto lo stato di allerta e di vigilanza all’interno della struttura per rendere il  centro commerciale sicuro per le famiglie e i clienti. Infine, collabora attivamente con le istituzioni che lavorano con lo stesso scopo per evitare che spiacevoli episodi possano verificarsi ancora”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome