Enogastronomia bresciana, Massetti: inarrestabile successo per il Natale

Secondo le stime dell’Osservatorio di Confartigianato Lombardia la spesa alimentare delle famiglie bresciane a dicembre ammonta a 324 milioni di euro

0
Panettone, foto generica
Panettone, foto generica

«Inarrestabile successo per i prodotti artigianali bresciani e lombardi nel periodo natalizio. L’enogastronomia di qualità cresce costantemente, affermandosi sia sulle tavole dei bresciani, sia conquistando una sempre più grande fetta di mercato all’estero. Paga la qualità e l’artigianalità, sinonimo di ricercatezza e non solo di tradizione» così il presidente di Brescia e Lombardia commenta i dati diffusi oggi sul consumo di prodotti artigianali nel periodo natalizio. Dati che confermano per il quarto anno consecutivo la crescita della spesa per le specialità artigiane nei consumi alimentari di dicembre: secondo le stime dell’Osservatorio di Confartigianato Lombardia la spesa alimentare delle famiglie bresciane a dicembre ammonta a 324 milioni di euro, rispetto ai 302 milioni dello scorso anno (+54 mln rispetto al consumo medio mensile, il differenziale più alto rispetto a tutte le altre province lombarde). Di questi 324 milioni di euro, ben 145 milioni di euro verranno spesi per prodotti artigianali, al di sopra dei 129 milioni dello scorso e dei 116 milioni del 2016. Pasticceria, salumi, bevande e dolci della ricorrenza in primis.

Che dicembre, grazie alle festività natalizie, sia un mese particolarmente favorevole per i consumi interni è noto, con le vendite al dettaglio di prodotti alimentari che hanno toccato mediamente il 20% in più rispetto alle vendite degli altri 11 mesi dell’anno, ma è il boom crescente e constante anche dell’export del cibo Made in Brescia: nei primi mesi 6 mesi del 2018 l’export del settore cresce dell’1,4% rispetto allo stesso periodo del 2017, con un valore complessivo di 274 milioni di euro (erano 269 nel 2017). Per la Lombardia, nel dettaglio, l’export di prodotti alimentari e bevande vale qualcosa come 4.968 miloni di euro in crescita del 2,1% su base annua. Nel dettaglio l’82,2% dell’export riguarda prodotti alimentari e il 67% dell’export è destinato a mercati dell’Unione Europea che crescono del 2,5%. I primi 5 mercati per export di beni alimentari e bevande prodotti dalle imprese bresciane sono: Francia (14,3%), Germania (11,7%), Stati Uniti (9%) Regno Unito (7,5%) e Svizzera (5,8%).

Sul territorio di Brescia (al III trim. 2018) si contano 1.678 imprese artigiane (in calo del 1,9% rispetto alle 1.710 dello scorso anno) che operano in questo comparto. Pasticcerie, panifici e gelaterie la fanno da padrone con 788 imprese, seguite da ristorazione e cibi d’asporto (712). 37 i produttori di pasta, 44 di conserve, conservazione e lavorazione carne, 17 dell’artigianato lattiero-caseario, 18 per birrai, vini e distillerie, 15 imprese nella lavorazione di tè, caffé, cacao e spezie. Gli addetti coinvolti nell’alimentare e bevande a Brescia sono 8.686, impiegati in imprese artigiane 3.067 (il 35,3% sul totale del settore).

“Tra i cibi più apprezzati in Italia e all’estero sono sicuramente protagoniste le numerose specialità alimentari riconosciute e tutelate dall’Unione Europea con i marchi Dop, Igp e Stg. In Italia sono ben 294, di queste 34 sono lombarde e in particolare nella nostra provincia 18 – sottolinea Eugenio Massetti, Presidente di Confartigianato Brescia e Lombardia – a testimonianza di come l’orientamento alla qualità e allo sviluppo delle tradizioni del territorio sia particolarmente elevato. Il settore alimentare rappresenta un asset fondamentale non solo per la nostra economia ma anche per valorizzare tradizioni e culture locali. Questi dati sono la conferma che i bresciani continuano a scegliere di portare in tavola, le produzioni agroalimentari tipiche di qualità. Una soddisfazione ed un impegno a proseguire a sostegno di questa importante filiera, sia sul mercato interno, sia verso l’esportazione negli altri paesi”

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome