Sport per tutti, 39Vantini dona alla Scuola Trevalli un mono sci per le lezioni ai disabili

Il monosci - del valore commerciale di circa 5mila euro - servirà per facilitare l'attività sportiva delle persone con problemi agli arti inferiori

0
In foto: Elena Contrini, Cesare Ronchini, Nicola Alberti, Mario Gaburri e Valter Muchetti
In foto: Elena Contrini, Cesare Ronchini, Nicola Alberti, Mario Gaburri e Valter Muchetti

Lo sport deve essere per tutti. Davvero. E’ con questo spirito che lo showroom di modernariato 39Vantini e la società Old4You, con sede a Brescia, hanno deciso di donare alla Scuola di Sci Trevalli un monosci con seggiola reattiva da utilizzare  per il noleggio gratuito durante le lezioni di sci riservate ai .

La presentazione dell’iniziativa benefica è avvenuta questa sera, negli spazi di via Vantini 39, alla presenza di Valter Muchetti (assessore alla Rigenerazione del Comune di Brescia), Cesare Ronchini (maestro della Scuola di Sci Trevalli), (amministratore 39Vantini, realtà che ha tra gli animatori anche l’imprenditore ), Nicola Alberti (maestro abilitato all’insegnamento disabili, attivo nel comprensorio del Maniva), Paolo Mazzacani (maestro di sci disabile abilitato all’insegnamento disabili, attivo a Madonna di Campiglio) ed Elena Contrini (responsabile marketing Maniva Ski).

Il monosci – del valore di mercato di circa 5mila euro – servirà per facilitare l’attività sportiva delle persone disabili (in particolare quelle con problemi agli arti inferiori) nell’ambito delle attività della Trevalli, che da anni opera in questo settore per superare gli ostacoli anche economici che impediscono a molti di avvvicinarsi allo sport.

“Brescia ha un cuore grande e lo ha confermato anche stavolta”, ha ricordato nell’occasione Muchetti. “Si tratta di un dono importante”, ha quindi aggiunto Mazzacani, “in tanti anni – troppo spesso – abbiamo dovuto fare gli accattoni con gli enti pubblici: non era mai capitato che qualcuno ci facesse un regalo simile”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome