Ghedi, la trattoria Santi pronta a festeggiare i 100 anni di cucina

L’inizio del 2019 rappresenta un traguardo davvero speciale per il ristorante da Bettini, che si appresta a festeggiare il secolo di vita

0
La trattoria Santi di Ghedi nel 1976
La trattoria Santi di Ghedi nel 1976

L’inizio del 2019 rappresenta un traguardo davvero speciale per la Trattoria Santi da Bettini che è pronta a festeggiare i cento anni di attività. Un percorso lungo e ricco di soddisfazioni per un locale che nel corso di tutti questi anni, oltre ad essere un ristorante capace di abbinare in modo sapiente gusto e tradizione, ha saputo diventare un punto di riferimento ed un luogo di ritrovo privilegiato non solo per l’intera comunità di Ghedi, ma anche per una vasta clientela che può sentirsi davvero come a casa grazie all’ospitalità della famiglia Bettini. Tutto questo per un “viaggio” che è appunto iniziato nel 1919 grazie all’entusiasmo ed alla voglia di fare di Bortolo Bettini, che ha fatto nascere nel cuore delle campagne ghedesi la “Trattoria Santi”.

Un percorso nelle tradizioni culinarie della bassa bresciana e in una ricca di gusto e qualità che dal 1948 è stato portato avanti dal figlio Angelo con la moglie Palma. Proprio grazie a questo spirito la trattoria è riuscita a farsi conoscere ed apprezzare sempre di più, passando poi, nel 1976, il testimone a Carlo e Ave, che hanno saputo sottolineare lo spirito locale della loro , presentando piatti tipici (dalla pasta fatta in casa alla grigliata di carne, tanto per fare alcuni esempi), che sono diventati un fiore all’occhiello per il loro ristorante. Un locale che nel 1982 è stato oggetto di una grande opera di ristrutturazione così da poter accogliere i sempre più numerosi clienti in una cornice accogliente e sempre più confortevole. Nello stesso tempo anche i piatti inseriti nel menù hanno messo in mostra un’ulteriore crescita, affiancando alle ricette tipiche della tradizione bresciani anche proposte sempre più ricercate, ideali per i palati più attenti alle esigenze e ai gusti più moderni.

Con il passare degli anni, grazie anche ad una cucina sempre in grado di distinguersi per la qualità e l’attenzione alla tradizione e ad una ulteriore ristrutturazione dei locali (compresa la realizzazione di un’ampia sala affacciata sull’esterno), la “Trattoria Santi da Bettini” è diventata un punto di riferimento irrinunciabile per celebrare feste, cerimonie e manifestazioni di particolare importanza. Uno spirito all’insegna dell’amore per la buona cucina e della voglia di stare insieme che ha condotto l’ormai conosciuto locale di Ghedi al traguardo dei cento anni.

Un punto di arrivo di particolare significato, che in poche parole, racchiude la passione, l’impegno e la dedizione di intere generazioni che hanno fatto diventare i “Santi” un autentico motivo d’orgoglio per tutta la comunità di Ghedi che ha voluto rivolgere il suo plauso con sincera soddisfazione a tutta la famiglia Bettini come ha sottolineato, a nome di tutti i ghedesi, il sindaco Lorenzo Borzi: “Avere nel territorio della propria cittadina un’attività che può festeggiare il traguardo dei cento anni di attività non è certo cosa di poco conto. Oltre tutto, mi piace segnalare che questa particolare attività racconta la storia di una famiglia, intere generazioni che, di padre in figlio, si sono dedicate con entusiasmo e passione assolutamente unici a questo che è diventato da subito ben più di un lavoro. In questi cento anni questa trattoria è diventata un vero e proprio stile di vita, un punto di riferimento e di ritrovo che ha svolto anche un significativo ruolo sociale (e non solo per la nostra comunità). E’ per questo che a nome di tutta la comunità di Ghedi rivolgo il mio più sincero applauso alla famiglia Bettini per i cento anni raggiunti dalla loro attività, un traguardo del quale, ne sono sicuro, si sentiranno orgogliosi tutti gli abitanti di Ghedi perché questa trattoria, in fondo, appartiene un po’ a ciascuno di noi”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome