Buon Natale anche al Pd, con qualche ritorno a… Canossa

A Natale, in giornate d’infinita bontà, non si dovrebbe mai dire che per taluni è anche un salutare …ritorno a Canossa

8
Claudio Bragaglio, Pd
Claudio Bragaglio, Pd

di – A Natale, in giornate d’infinita bontà, non si dovrebbe mai dire che per taluni è anche un salutare …ritorno a Canossa. Ma pensarlo – anche solo pensarlo, perché ci si è quasi costretti – di sicuro non è un peccato.
La fila di correzioni e di correttori del originario del 2005-7 ormai è fin troppo lunga. Quasi imbarazzante. Taluni correttori, usciti dalle porte, ti entran ora persino dalle finestre. Quindi adesso mi verrebbe da dire…non esageriamo. Senza crolla tutto, quindi: salvare a tutti costi il . Ma per un nuovo , questo è l’obbiettivo.

Finora il punto in cui siamo arrivati con correzioni e correttori nel PD, più o meno, è questo.

Basta PD solitario, a vocazione maggioritaria e senza alleanze.
Basta definire le coalizioni simil-uliviste il male del PD e della sinistra (copyright Orfini).
Basta Statuti che stabiliscano che un Segretario del PD è per forza pure il Capo di Governo.
Basta esagerare con Primarie, se intese addirittura come il “mito fondativo” del PD.
Basta sistemi elettorali, ipermaggioritari e Parlamentari nominati in Parlamento, per poter confezionare un forzato bipartitismo e con Parlamentari come “pretoriani”.
Basta bandiere del liberismo in prima fila.
Basta disintermediazioni sociali, pensando di poter far a meno delle rappresentanze del lavoro e dell’impresa.
Basta PD iper-leaderista e personalista, opposto ad un PD plurale e federativo.
Basta frullati indigesti nel PD, ancorché nuovisti, pur di far sparire nel partito Sinistra riformista, Cattolicesimo democratico, Civismo ed Ambientalismo
Basta rottamazioni, confidando anche sulla ragionevole “conversione” dei rottamatori.
…e via via elencando in lungo ed in largo.

Cito ancora, a conferma di questo lungo, ma parziale elenco di novità, soltanto le ultime, ma significative, “new entry” di giornata.

L’ex capogruppo al Senato, Luigi Zanda, che nell’intervista dell’altro giorno a Repubblica ci dice che è stato un errore far nascere in tutta fretta il PD. Vero, ma fino a ieri si diceva il contrario, che il PD non funzionava perché era nato troppo tardi.
Cosa che mi pare – ma del tutto inascoltati – alcuni di noi, messi allora all’angolo, dicessimo già una decina d’anni fa.

Ma il capolavoro neppure conclusivo, perché ne aspettiam degli altri, è di stamattina. Ed è dell’ottimo ex ministro Calenda – all’indomani dell’incontro “tête-à-tête” con Renzi – che sull’odierna Stampa di Torino dice – finalmente! – che ci vuole un “largo Fronte Democratico”, quindi non più la evocazione macroniana del Fronte Repubblicano. Ma proprio quel grande “Fronte Democratico” che (udite..udite…) come è stato, lui dice, “ Uniti nell’Ulivo alle europee del 2004”.

Miele (dolce, seppur tardivo) per le orecchie. Dieci anni per riscoprir l’Ulivo (che oggi in omaggio al “new package”, ovvero all’imballaggio nuovo, possiam pure chiamarlo come vogliamo), ma dopo aver fatto fuori (da Presidente della Repubblica e da Presidente del Consiglio) Prodi e Letta che in quella storia di Centro Sinistra si riconoscevano.

Persino il vecchio e contorto Ulivo, dopo averlo stolidamente liquidato, ora persino da Calenda, vien… resuscitato!
E’ la vendetta contro i “congiurati” di allora (coscienti ed incoscienti, insieme) e contro tutto quanto essi sostenevano! Consapevoli o meno che siano, questo è un “Ritorno a Canossa” in piena regola ed all’altezza della gran Matilde, appunto!

Che l’Ulivo lo si faccia risorgere ora, a fin di bene, proprio nelle giornate che celebrano la Natività, e senza dover aspettar altre giornate di passione, il Calvario e poi la Pasqua di Resurrezione, penso che anche al Padreterno non possa che far piacere. E pure a noi.

Tanto si rimane in tema evangelico, dopotutto si tratta sempre di figliol prodighi. Di quelli che ritornano, ma solo dopo aver liquidato anche il nostro patrimonio. Di quelli che con narrazioni e storytelling ritenevano d’aver fondato il “partito del nuovo secolo” e si ritrovano, dopo ripetute sconfitte, a dover passare dalle loro ribollenti storie e fantasie ad un bagno gelido di realismo.

In questi dieci anni tutte le vittorie conseguite nel Paese sono state all’insegna del vecchio e caro Centro Sinistra (cmq lo si sia chiamato) e non già d’un partito che per esser per forza unico e maggioritario, in omaggio alla modellistica anglosassone, doveva prosciugare tutto quanto attorno a sé, al punto da sfasciare alleanze e coalizioni sociali e politiche.

Ma, pur con la bontà scontata d’un augurio natalizio, se proprio di Canossa bisogna parlare, che a Canossa molti ci ritornino, ben accolti e pure numerosi. Ma mi raccomando, presi da cotanto slancio, non vadano però oltre. Non si sa mai , perché dai “riconvertiti” ci si può aspettare sempre la spasmodica ricerca d’un di più e pure d’un di  troppo. Ad espiazione della loro pena di credulità, di misticismo politico, di ambizioni ed illusioni che han coltivato a piene mani in questi anni.

Quindi che a Canossa si fermino un attimo a ragionare. Tranquilli ed impegnati nel Congresso del PD e senza immaginarsi – da anime inquiete e con spirito da avanguardisti – a dover andare subito sempre…oltre, sempre…oltre. Anche oltre il PD, oltre il Centro Sinistra. Perché, taluni, da “razza padrona” (Scalfari) qual sono, spesso vogliono solo strafare e comandare, sia quando le indovinano, sia quando – soprattutto e come in questo caso – ne hanno infilate troppe di sbagliate. Ma sempre e comunque con quel loro demone in pancia da primi della classe, nell’uno e nell’altro caso. A prescindere, si direbbe, perché si vedon sempre come dei “numeri uno” del potere.

Un consiglio non richiesto: rileggere e ben bene “Todo Modo” di Sciascia, per imparare come non far fare al PD la fine della vecchia DC. Ovvero come evitare una storia di suicidio collettivo.

Lo so, diverse tra DC e PD son la storia e pure la stazza, è chiaro. Ma il rischio sta nella stessa malattia: il passaggio dalla bulimia alla anoressia del potere, che fa perdere la testa, con relative (per quanto metaforiche nel caso nostro) manovre di veleni e di pugnalate, come da ben note ed antiche storie romane e fiorentine.

Si ricostruisca quindi, anche come scelta di Congresso, quel grande Fronte Democratico simil civico ulivista (che prima si è voluto liquidare), come s’è già fatto in questi anni nel Paese, ma proprio perché non s’è ascoltata la linea nazionale. Vincendo così nei Comuni e nelle Città, come a Brescia con Del Bono.

Ripartire dal Paese vuol dire, in primo luogo, ripartire dal progetto d’un nuovo Centro Sinistra politico, civico e sociale. Il PD si salva solo se diventa da subito (cosa che ancora non sta facendo) il perno della ricostruzione d’una ampia coalizione. Proibendoci di dover sempre pensare che bisogna per forza fare i …”fenomeni”, inventandone di nuove e stravaganti di idee – magari con delle scissioni, di cui poi pentirsi amaramente.

Contro Zingaretti si brandisce con totale ed impudente falsità persino il bastone d’un D’Alema presidente del PD. Per non dire d’una alleanza del PD con M5S. Si gioca così volutamente sporco, incanagliendoci sulla strada che ci porta dritti al suicidio di “Todo modo”.

Ma se c’è una cosa che riguarda D’Alema, e che invece da tutti va brandita con forza come il più duro e nodoso dei bastoni, è la contrarietà alla scissione ambiguamente preannunciata nel PD. Solo in questo caso, e per la salvezza di tutti noi, possiamo per davvero dire: D’Alema docet.

Comments

comments

8 Commenti

  1. Lunga e puntuale riflessione, come sempre, con tante buone idee e tante soluzioni che laggiù a Roma in Largo del Nazareno sono purtroppo ben lungi dall’ascoltare e metabolizzare per tentare di uscire dalle sabbie mobili che tuttora consegnano il PD al 16% di consensi contro il 33% di Salvini ed il 27% di Di Maio. Cito i leader e non i partiti proprio perchè purtroppo senza leader, in questi strani tempi politici che viviamo, non si va da nessuna parte. A Canossa, come Enrico IV, doveva andare solo Renzi dopo il 4 marzo, con tanto di saio e cenere sul capo, per incontrare non già un Papa, ma tutti gli elettori di centrosinistra, quelli che aveva deluso e tradito. Macchè. Tutto tace, sembrerebbe proprio in vista della catastrofe finale delle Europee, ormai dietro l’angolo. E magari, il giorno dopo, con una Controriforma renziana a cambaire le carte in tavola…

  2. A proposito di Leonardo Sciascia, in tempi di mezz’uomini, di ominicchi e di quaquaraquà…la coerenza delle proprie idee è di sicuro un grande valore. Grazie

    • Beh, per uno nato e vissuto per lustri come il Prof.Bragaglio con l’impronta politica comunista è dura ritrovarsi, malgrado la coerenza delle proprie idee, in un partito come il PD che tuttora aspetta cosa farà Renzi, cioè un post-democristiano berlusconizzato. O no ?

  3. Nostradamus, sulla coerenza, a cui peraltro – apprezzando – allude Anna C., mi fermerei al decennio. Resistendo quindi alla tentazione, a cui tu mi sottoponi, per i lustri precedenti. Lasciami per ora rinviar quella palla. In quanto a Renzi da tempo ripeto che bisogna uscir tutti dalla morsa soffocante del pro-contro Renzi. La ruota è girata. Bisogna prenderne atto e non riguarda tanto o solo Renzi, che farà le scelte che vorrà. Penso infatti che una valutazione critica, oggettiva e veritiera, debba investire le scelte dell’intera vita del PD. Il mio elenco di “Basta” – volutamente provocatorio – risale infatti a molte di quelle scelte. Quando Renzi aveva ancora i calzoncini corti. Questa la cosa ben più dura ed aspra, lo so bene. Ma è lì che va affondato il bisturi, con coraggio. Renzi ci ha messo poi del suo. Certo. Ma lui ha vinto e poi ha perso interpretando e non stravolgendo il PD. Per me “salvare il PD” vuol dire non un ritorno alle origini (un’illusione!), ma un “diverso e nuovo PD”. Neppure un PD “contro” Renzi. Infatti troppi – anche ex renziani oggi contro Renzi – sono alla ricerca di alibi e capri espiatori, ma solo per salvare se stessi per gli errori che essi – compreso D’Alema – ben prima di Renzi han fatto.

    • Dunque, un diverso e nuovo PD. Ma realisticamente non vedo oggi uno sbocco politico che prescinda dalle scelte di Renzi e dei renziani che, lo ricordo al Prof.Bragaglio, sono la quasi totalità degli attuali parlamentari piddini. Nessuno dice in giro che per altri quattro anni (se i giallo-verdi non alzano bandiera bianca) le persone ed i numeri per fare opposizione di centrosinistra sono di fatto in mano al giovanotto toscano che siede nel Senato che voleva abolire. Insomma, il Congresso che potrebbe rifondare un nuovo e diverso PD si appoggerà poi comunque in Parlamento a quelli che molti chiamano ancora i Renzi boys e le Renzi girls. E sono quelli, se non ricordo male, che puntavano tutto sulla loro vergognosa legge elettorale per allearsi il 5 marzo con Berlusconi, salvo poi essere fregati prima dai numeri e poi dall’alleanza Lega-5 Stelle. “I sogni son desideri” cantava la Cenerentola di Disney e mi sa che per ora qui si fermano gli aupsici del Prof.Bragaglio, costretto oggi persino a maledire il mitico compagno D’Alema.

  4. Debbo ammettere, Nostradamus, che dalla parte tua hai numerose e buone probabilità da esibire, da quella mia altrettanto buone, ma solo alcune ferme convinzioni. In genere nel breve periodo son le probabilità a vincere, nel lungo invece s’impone la forza delle convinzioni. Se dico questo non è perché coltivo illusioni (anzi!) sulle truppe parlamentari di cui parli. Penso però che sotto tutti cieli della storia, partiti inclusi, non ho mai visto molte truppe suicidarsi fino all’ultimo uomo per la gloria dei generali sconfitti. In quanto a D’Alema non lo “maledico”, come ti dici, ma ne dico male, questo sì, perché ha sbagliato – e per tutti noi – il campo di battaglia della sinistra riformista nel 2004-07. Per poi disertare – come se l’amalgama mal riuscito fosse un accidente altrui – piantandoci in asso nel bel mezzo della lotta e dell’impegno per noi più rischioso. Questo è quel che penso e che gliel’ho pur detto.

    • Tutto molto chiaro Ma non più tardi di oggi le truppe parlamentari piddine schierate fuori dal Parlamento per un sit-in di protesta contro l’accelerazione anomala imposta dai giallo-verdi sull’approvazione della legge di bilancio, sono stati accolte al grido di “svegliatevi” e “tornate nelle strade” da parte proprio dei loro stessi sostenitori. Segnale che, nella comune percezione, in concreto nulla si muove e si è mosso, oltre alle buone intenzione ed a qualche buona idea. La necessaria svolta, insomma, non si vede ed il tempo passa inesorabile senza peraltro che nessuno dei veri colpevoli delle debacle a raffica del PD (e del centrosinistra) abbia per ora davvero pagato il conto. Ripeto, e qui chiudo, potrebbe essere anche un pericoloso segnale del fatto che le truppe renziane sono vive e vegete…con quel che ne può conseguire. Buon anno a tutti.

  5. Quello che non capisco è come il professor Bragaglio possa stare nel PD avendo fino dall’inizio fatto molte critiche al suo partito. Non è molto più logico che Renzi vada via e si formi un vero partito di sinistra?

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome