Qualità dell’aria, la Regione la difende attraverso gli incentivi

L'obiettivo della nuova pagina dedicata della Lombardia è dare informazioni in tempo reale, favorendo la consapevolezza degli strumenti a disposizione

0
Qualità dell'aria, foto generica da Regione
Qualità dell'aria, foto generica da Regione

Cresce l’attenzione da parte dei cittadini per la qualità dell’ in Lombardia: l’obiettivo della nuova pagina dedicata di è dare informazioni in tempo reale, favorendo una maggiore consapevolezza degli strumenti a disposizione. Nasce con questo intento il portale www..regione.lombardia.it a cui possono accedere tutti coloro che sono interessati ad avere tutti gli aggiornamenti necessari.

Un messaggio rivolto ai bresciani e ai cittadini delle altre province lombarde, per ricordare a tutti che – a prescindere da eventuali blocchi straordinari – nel semestre invernale, come ogni anno, sono entrate in vigore le misure permanenti finalizzate alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera.

A beneficiarne, ovviamente, sono i polmoni dei lombardi. Ma a dover fare i conti con questa misura ci sono centinaia di migliaia di proprietari di automobili classificate come inquinanti: le vecchie benzina Euro 0, Diesel Euro 0, 1, 2, 3 all’interno dei 209 Comuni della cosiddetta Fascia 1. Un elenco in cui nel Bresciano, oltre al Capoluogo, sono inseriti Borgosatollo, Botticino, Bovezzo, Castel Mella, Castenedolo, Cellatica, Collebeato, Concesio, Flero, Gardone Valtrompia, Gussago, Lumezzane, Marcheno, Nave, Rezzato, Roncadelle, San Zeno Naviglio e Sarezzo.

La buona notizia è che a fronte dei disagi sono disponibili una serie di misure che aiutano le persone e le imprese a sostituire i veicoli inquinanti con mezzi a basso impatto ambientale.

“La logica che muove la nostra strategia per combattere le emissioni inquinanti e migliorare la qualità dell’aria deve essere chiara e sostenuta da risorse finanziarie adeguate e interventi normativi mirati. Il Bacino padano, che come è noto ha condizioni meteoclimatiche e orografiche particolarmente sfavorevoli, sta facendo da tempo fronte comune per affrontare questa sfida che riguarda la salute di tutti e agisce anche sul tema tanto dibattuto in questi giorni della lotta al cambiamento climatico. Ai divieti che si scaricano sui cittadini, preferiamo gli incentivi e la Regione sta mettendo in campo risorse proprie per ottenere una sempre più piena sostenibilità” è il commento dell’assessore regionale all’Ambiente e Clima, .

L'assessore regionale Raffaele Cattaneo
L’assessore regionale Raffaele Cattaneo

GLI INCENTIVI E LE AGEVOLAZIONI PER I PRIVATI

La Lombardia premia i cittadini che provvedono alla demolizione di veicoli inquinanti (Euro 0 e 1 benzina o diesel; Euro 2 o 3 diesel) con un contributo straordinario di 90 euro (attenzione: salvo eventuali proroghe, i termini scadranno il 31 dicembre). Ma non solo. Chi rottama e acquista anche un’ Euro 5 o 6 – escluse le autovetture alimentate a gasolio – viene esentato dal pagamento della tassa per un triennio. Mentre chi compra veicoli ibridi, alimentati anche con energia elettrica, entro il 31 dicembre 2020 ha diritto alla riduzione del 50 per cento della tassa per un triennio anche se non rottama.

GLI INCENTIVI E LE AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

Il contributo rottamazione è previsto anche per le imprese e privati cittadini che provvedono alla demolizione di veicoli inquinanti (Euro 0 e 1 benzina o diesel; Euro 2 o 3 diesel). Per le piccole e medie imprese la Regione ha previsto un bando ad hoc. Il Rinnova Veicoli stanzia un contributo straordinario dai 4mila ai 10mila euro – a seconda del peso del mezzo e del suo sistema di alimentazione – per chi demolisce un veicolo di proprietà a benzina (fino a Euro 1/I incluso) e/o diesel (fino a Euro 4/IV incluso) e acquista, anche con leasing finanziario, un veicolo di categoria N1 o N2 elettrico puro, ibrido (benzina/elettrico) solo Full Hybrid o Hybrid Plug In, metano esclusivo e GPL esclusivo, metano e GPL bifuel (benzina/metano e benzina/Gpl).

Per chi volesse approfondire l’argomento all’apposita sezione del sito.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome