Ossa sulle Cariadeghe, vice di Bresciaoggi indagato per non aver rivelato la fonte

L'accusa è in sostanza quella di aver rivelato notizie coperte dal segreto investigativo, coprendo coloro che le hanno diffuse

0
Palagiustizia di Brescia
Palagiustizia di Brescia

Il vicedirettore di è stato indagato dalla Procura di Brescia per favoreggiamento. Al giornalista – secondo quanto riferisce una nota del sindacato dei giornalisti e del Cdr del quotidiano – viene contestato il fatto di aver fatto valere il segreto professionale durante un interrogatorio sulle fonti relative alla notizia pubblicata dal giornale lo scorso 16 dicembre, che dava conto del ritrovamento di alcune ossa umane sull’Altopiano dellle Cariadeghe e non escludeva potesse trattarsi dei resti di Iuschra, la 12enne autistica scomparsa nella zona.

L’accusa – in sostanza – è quella di aver rivelato notizie coperte dal segreto investigativo, coprendo le “proprie” fonti. Il caso segue quello di (Giornale di Brescia e Ansa), vittima di una vicenda ancora più pesante, ma poi prosciolto.

LA NOTA DEL SINDACATO DEI GIORNALISTI

Ci risiamo: un altro giornalista che scrive di notizie legate al territorio viene indagato per favoreggiamento… perché ha raccontato quello che ha scoperto, ma non ha rivelato le proprie fonti.

E’ accaduto a Brescia al collega Riccardo Bormioli, vicedirettore del quotidiano BresciaOggi, reo di aver fatto valere il segreto professionale durante un interrogatorio davanti all’autorità giudiziaria. Bormioli, il 16 dicembre aveva pubblicato un articolo riguardante il ritrovamento di ossa sull’altopiano di Cariadeghe, a Serle, dopo la scomparsa di un bambino avvenuta nel luglio scorso.

“E’ un film già visto a Brescia e in Lombardia: per l’autorità giudiziaria chi fa il cronista e trova notizie, quando le pubblica favorisce solo i colpevoli. La libertà di informazione, per qualcuno, è solo un orpello” commenta il presidente dell’Associazione Lombarda dei Giornalisti, Paolo Perucchini. Il sindacato lombardo dei giornalisti, insieme al Gruppo Cronisti Lombardi e alla Federazione Nazionale della Stampa esprime solidarietà al collega Bormioli, ai colleghi del CdR e della redazione di BresciaOggi, nonché a tutti i cronisti bresciani.

“Nei precedenti casi, però, indagini simili, che riguardavano giornalisti indagati per favoreggiamento dopo aver scritto una notizia senza rivelare la fonte, si sono “sgonfiate” senza conseguenze per i colleghi: scrivere notizie, infatti, non è reato. Chi cerca la verità e scrive i fatti non commette un illecito, ma assolve al dovere di cronaca e difende la libertà di informazione. E’ assurdo pretendere che le fonti della notizia vengano rivelate sapendo che esiste il segreto professionale: e usare lo strumento dell’indagine per favoreggiamento non può essere letto che come una intimidazione legale che punta a spezzare il legame di fiducia tra giornalista e fonte”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome