Insulti su Facebook contro la Tin, gli Spedali Civili valutano la denuncia

Soprattutto su Facebook gli insulti e le invettive contro l'ospedale, contro medici e infermieri della Terapia Intensiva Neonatale, non sono state risparmiate

1
Spedali Civili di Brescia
Spedali Civili di Brescia

All’indomani della diffusione della notizia che nel reparto di Terapia intensiva neonatale degli Spedali Civili di Brescia si è registrato il decesso, in breve tempo, di quattro neonati, i cosiddetti “leoni da tastiera” si sono scatenati.

Soprattutto su Facebook gli insulti e le invettive contro l’ospedale, contro medici e infermieri del reparto, non sono state risparmiate e così ora – lo scrive Bresciaoggi – proprio la struttura sanitaria sta valutando se sporgere contro ignoti.

Mentre gli stessi infermieri hanno cercato di difendersi, sempre sui , rivendicando la propria professionalità e il continuo impegno a fianco dei medici, si è anche viralmente diffuso un sostegno da parte di genitori, familiari di bimbi magari salvati proprio grazie al lavoro svolto dal personale del Tin. A questi si sono però aggiunti anche cittadini qualsiasi, che si sono schierati dalla parte del reparto messo sotto accusa.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome