Garda, chiude il centro profughi all’ex hotel Tre Lampioni di Toscolano

Il centro era già finito all'attenzione di tutti i media quando alcuni occupanti avevano deciso di esporre uno striscione per "denunciare" la presunta carenza qualitativa del servizio

0
Immigrati e profughi a Brescia, foto generica
Immigrati e profughi a Brescia, foto generica

L’atto ufficiale che ne sancisce la definitiva chiusura è arrivato nelle scorse ore, con la pubblicazione sull’albo pretorio. Dopo mesi di polemiche, dunque, il centro allestito nell’ex albergo Tre Lampioni di Toscolano Maderno, sul lago di Garda, è stato definitivamente chiuso dalla con la motivazione del “mancato rinnovo di dimora”.

Il centro era già finito all’attenzione di tutti i media quando alcuni occupanti avevano deciso di esporre uno striscione per “denunciare” la presunta carenza qualitativa del servizio da loro ricevuto. Ne erano seguite pesanti polemiche – su un fronte e su quello opposto – con la successiva decisione del prefetto di trasferire due degli occupanti in un’altra sede in attesa di decisioni finali. Poi la stessa sorte toccò a un’altra ventina di immigrati. Prima di Natale, quindi, la decisione di spostare anche gli ultimi 11, ratificata venerdì dall’atto ufficiale.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome