Blitz a Brescia e Nave, la Finanza chiude il market internazionale dei capi contraffatti

Complessivamente i militari hanno trovato in due capannoni ben 1.600 capi contraffatti, tra borse, cinture, giubbotti, maglie e t-shirt

0
Fiamme Gialle a Brescia
Guardia di Finanza a Brescia

La , nelle scorse ore, ha posto i sigilli a due capannoni della provincia di Brescia nell’ambito di una maxioperazione coordinata dalla Procura di Genova contro la produzione e la vendita di capi contraffatti.

I blitz delle Fiamme Gialle sono avvenuti in via Vallecamonica, a Brescia, e nel Comune di Nave. Complessivamente – secondo le informazioni disponibili – i militari hanno trovato in due capannoni ben 1.600 capi contraffatti, tra borse, cinture, giubbotti, maglie e t-shirt. Tutti avevano i marchi delle più note case internazionali di moda, ma erano prodotti in loco grazie a tre macchine da cucire industriali. Insomma: erano tarocchi.

I prodotti venivano poi venduti al dettaglio in 24 province italiane da immigrati di origine cinese e senegalese. Complessivamente i capi contraffatti recuperati sono stati oltre 2 milioni. Le rotte della merce toccavano – d’andata o di ritorno – diversi pasi del mondo, tra cui anche Cina, Senegal e Turchia. Durante l’operazione sono stati anche individuati cinque clandestini.

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome