Adescava baby sitter e le trasformava in prostitute, condannata donna nigeriana

Una donna nigeriana accusata di riduzione in schiavitù e sfruttamento della prostituzione è stata condannata a 10 anni dalla Corte d'Assise di Brescia

0
Si sono prese per i capelli e, nella colluttazione, sarebbe spuntato anche un coltello. La zona industriale di Boario Terme è sempre più calda: ieri pomeriggio, una rissa tra due prostitute nigeriane nell’area dei capannoni tra Angone ed Erbanno, ha rischiato di finire in tragedia dopo che, durante una lite a schiaffi e calci, una delle due è stata ferita leggermente con un coltello. Sull’accaduto indagano i carabinieri della stazione di Darfo e gli agenti della Polizia Locale intervenuti sul posto dopo l’allarme lanciato da alcuni passanti. Secondo una prima ricostruzione, la causa della lite sarebbe collegata a questioni di battuage «esclusivo» sul territorio dove si registra un viavai di clienti a tutte le ore del giorno e della notte.
Prostitute nigeriane

Convinta di essere stata presa come baby sitter, è finita in strada, a fare la prostituta.

È la storia di una delle vittime di una donna nigeriana accusata di riduzione in schiavitù e sfruttamento della condannata ora a 10 anni dalla Corte d’Assise di Brescia ( scontata di un terzo, perchè il processo si è celebrato con rito abbreviato).

Secondo le testimonianze rese, le vittime venivano adescate con la promessa di un lavoro e una vita onesti, poi però finivano in mezzo alla strada e tutti i soldi guadagnati andavano nelle tasche della nigeriana.

Durante il processo – il caso è riportato da Bresciaoggi – la difesa della donna ha sottolineato che le ragazze avevano libertà di movimento e che non è dimostrato che la nigeriana incassasse i proventi dell’attività delle . Intanto una vittima avrebbe fatto riferimento anche a riti voodoo praticati dalla donna nei suoi confronti, con lo scopo forse di obbligarla a consegnare il denaro guadagnato in strada.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome