Col nuovo orario soppressioni dei treni ridotte, Trenord canta vittoria

L'ad: prima del nuovo orario, il 5% delle corse – circa 120 ogni giorno – era soppresso, oggi il dato è sceso all’1,2% circa, con meno di 40 corse soppresse al giorno

1
Un treno Vivalto di Trenord, foto da ufficio stampa
Un treno Vivalto di Trenord, foto da ufficio stampa

“Il nuovo orario in vigore dal 9 dicembre si sta confermando la strada giusta per ridare affidabilità e regolarità al sistema ferroviario lombardo, che non ha pari nel resto d’Italia”. A dirlo è stato Marco Piuri, amministratore delegato di , all’evento di consegna del treno Vivalto di Trenitalia a .

“Sin dalle prime settimane abbiamo raggiunto l’obiettivo prioritario di ridurre le soppressioni: prima del nuovo orario, il 5% delle corse – circa 120 ogni giorno – era soppresso. Oggi il dato è sceso all’1,2% circa, con meno di 40 corse soppresse al giorno; di queste, solo 16 sono soppresse per cause sotto la responsabilità di Trenord. Inoltre, gli aggiustamenti di orario introdotti su alcuni collegamenti locali hanno consentito di migliorare la puntualità di alcune grandi direttrici che convergono su Milano: sulla linea Milano-Cremona-Mantova la puntualità è passata dal 70% di novembre all’attuale 88%; sulla S13 Milano Bovisa-Pavia dall’80% all’89%; sulla linea Milano-Paderno Robbiate e Calusco-Bergamo, spezzata a metà dalla chiusura del ponte San Michele, siamo passati dal 68% al 93%”.

Piuri ha proseguito: “I 14 che abbiamo ricevuto da Trenitalia ci sono di aiuto per tamponare l’emergenza dettata dalla vetustà di parte del materiale rotabile, in attesa dell’arrivo dei nuovi 161 acquistati da FNM e Regione Lombardia, che inizieranno ad arrivare dalla seconda metà del 2020. I convogli ricevuti ci consentono infatti di avere materiale rotabile di riserva in snodi strategici nelle aree pavese e cremonese e dal mese di aprile ci permetteranno di effettuare il 50% delle corse sulla linea Milano-Mortara con Vivalto a 6 carrozze, sostituendo le carrozze a piano ribassato finora utilizzate”.

“Qualcosa è stato fatto, molto ancora c’è da fare – ha concluso l’AD di Trenord – Trenord rappresenta un valore trainante per la Lombardia, trasportando ogni giorno su 2560 corse, fra treni e bus, oltre 800mila viaggiatori. Una rete capillare, che nella sola città di Milano serve 24 stazioni che contano ogni giorno un flusso complessivo di 612mila persone: un sistema diffuso come una linea metropolitana. Una base solida per lo sviluppo della mobilità metropolitana e regionale”.

 

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome