Agenda di montagna Ue, Mottinelli chiama a raccolta i sindaci

Pier Luigi Mottinelli, componente della Giunta nazionale UNCEM, interviene in merito all’Agenda approvata il 3 ottobre a Strasburgo e da allora bloccata

0
Pier Luigi Mottinelli, BsNews.it
Pier Luigi Mottinelli, BsNews.it

, componente della Giunta nazionale UNCEM (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani), e Presidente della Commissione Montagna ANCI interviene in merito all’Agenda di Montagna, approvata a Strasburgo il 3 ottobre scorso, dove è rimasta bloccata, senza che siano seguiti atti per arrivare a una vera e propria Agenda dotata di visione e risorse, trasversale agli assi della nuova programmazione comunitaria 2021-2027.

“Chiedo a tutti i sindaci che governano i territori montani bresciani e lombardi– ha dichiarato Mottinelli – di scrivere al Presidente del Parlamento Tajani, al Presidente della Commissione Juncker, alla Commissaria per le politiche regionali Cretu, a tutti gli Europarlamentari italiani. Occorre una forte presa di posizione, come dichiarato anche dal Presidente Nazionale UNCEM Marco Bussone e dal Presidente UNCEM Tiziano Maffezzini, serve un impegno specifico verso la piena attuazione della Risoluzione e della relativa Agenda, con una attuazione da parte della Commissione e specifiche iniziative, strategie e finanziamenti”.

La Risoluzione si muove da un progetto che guarda a territori montani che chiedono di non essere marginalizzati. Si tratta delle zone rurali, periferiche, di montagna, isolate che rappresentano gran parte del territorio bresciano, italiano, ma anche europeo. Cittadini e Comuni, tutti gli Enti locali montani da troppo tempo chiedono a gran voce maggiore attenzione e servizi. A queste zone vanno dedicati non solo i necessari finanziamenti, ma insieme devono essere elaborate politiche settoriali di intervento che consentano il loro rilancio, economico ma non solo.

Il modello per l’intervento, secondo Mottinelli, può essere la riorganizzazione dei servizi alla collettività da una parte, lo sviluppo e la crescita delle imprese dall’altro. L’Agenda Montagna potrebbe dare un pieno senso di compiutezza ad Eusalp, la Strategia macroregionale alpina, finora rimasta inattuata e debole, proprio come la Convenzione delle Alpi.

“Per raggiungere questi obiettivi – ha concluso Mottinelli – occorre un coinvolgimento delle comunità, attraverso i Comuni, gli Enti locali, fondamentali in questo passaggio che guarda con forza e concretezza alla sviluppo della montagna”.v

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome