Pompe funebri, l’emendamento Carzeri “grazia” le imprese

La nuova legge in materia obbligava le imprese ad assumere, oltre al direttore tecnico, anche quattro operatori necrofori

0
Una bara, foto generica
Una bara, foto generica

La Regione, con un emendamento sottoscritto anche dalla consigliera bresciana , ha “graziato” le imprese di pompe funebri stabilendo una deroga rispetto alla precedente versione della nuova legge in materia che obbligava le imprese ad assumere, oltre al direttore tecnico anche quattro operatori necrofori. Un vincolo sostituito con quello di contratti regolarmente registrati con i centri di servizio.

“Sono soddisfatta dell’approvazione della Legge n.36 in materia di Servizi necrofori – ha detto Carzeri (componente della III commissione) in una nota – una legge che è costata un lungo lavoro di approfondimento durato diversi mesi il cui iter si è concluso solo quest’oggi. Fin dalla prima bozza di questa Legge ho ravvisato l’estrema necessità che venissero tutelate anche le imprese funebri più piccole che operano maggiormente nella nostra provincia e che sarebbero state penalizzate dai requisiti eccessivamente onerosi previsto inizialmente in materia di dipendenti . Dopo le audizioni con le varie categorie tra le quali anche quelle che tutelavano gli operatori funebri bresciani al fine di comprendere quale fosse la migliore soluzione capace di compensare l’esigenza condivisibile di trasparenza e tutela dei lavoratori con quella richiesta invece dai piccoli imprenditori che non potrebbero da soli sostenere i requisiti richiesti dalle imprese che operano invece nelle grandi città. Così – conclude il novellato art. 74 riesce a garantire alle imprese più piccole il personale e i mezzi necessari per l’espletamento della loro professione senza però obbligarli ad assumere personale a tempo indeterminato che avrebbe portato alla celere chiusura di molte imprese funebri operanti nella nostra Provincia”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome