Autisti aggrediti sui bus, la colpa non è dell’azienda

La colpa è esclusivamente dei passeggeri violenti che hanno aggredito gli autisti, non dell'azienda che - stando a quanto sostenevano le organizzazioni sindacali - non li avrebbe tutelati a sufficienza

0
La sentenza
La sentenza

La colpa è esclusivamente dei passeggeri violenti che hanno aggredito gli autisti, non dell’azienda che – stando a quanto sostenevano le organizzazioni sindacali – non li avrebbe tutelati a sufficienza. E’ questa la sentenza del tribunale di Brescia, nel procedimento a carico di tre manager di rinviati a giudizio con l’accusa di concorso omissivo per quattro aggressioni avvenute tra il 2014 e il 2016. I tre sono stati assolti perché il fatto non costituisce reato. In particolare i giudici hanno confermato che non è possibile blindare gli autisti, perché la norma comunitaria impone paratie e porte apribili dall’esterno

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome