Brescia vista da una nuova bresciana | VITA DA LEONESSA/1

Cosa si aspetta da Brescia una persona che, da un’altra città italiana, si trasferisce nella città lombarda per motivi lavorativi?

0
Piazza Loggia, foto Rossella Papale per BsNews.it
Piazza Loggia, foto Rossella Papale per BsNews.it
Rossella Papale

di Rossella Papale – Cosa si aspetta da Brescia una persona che, da un’altra città italiana, si trasferisce nella città lombarda per motivi lavorativi?

Brescia dalle mille opportunità, un centro costellato di industrie, aziende, una città d’acciaio, ma anche (ahimè!) la città dello smog, dell’inquinamento, del freddo e della nebbia. Per quali particolari avvenimenti culturali o bellezze storico-artistiche è conosciuta? Il ‘’forestiero’’ inizialmente non riesce a darsi una risposta per cui si raccomanda di pensarci in un secondo momento.

La prima sorpresa che egli si ritrova dinanzi, nell’arrivare a Brescia, è innanzitutto scoprire l’esistenza di un bellissimo centro storico, elegante, curato e caratterizzato da molte sfumature. L’imponenza e il rigore degli edifici di piazza Vittoria lasciano spazio, andando verso piazza della Loggia e piazza Paolo VI, ad una Brescia pittoresca, ben lontana dalla città d’acciaio che aveva immaginato, per cui il forestiero si perde a percorrere i suoi vicoletti e gli angoli segreti della città. Proprio a piazza Paolo VI si trova davanti ai due Duomi, il vecchio e il nuovo. Quante città in Italia possono vantare tale peculiarità? All’intero del Duomo vecchio, il ciclo di tele del Moretto e del Romanino tolgono all’esploratore i dubbi circa il valore artistico della città. Cosa dire del panorama di cui si gode salendo al castello? Bisogna soltanto scegliere se ammirarlo al tramonto oppure di notte con le luci che illuminano l’intera città.

La cupola del Duomo di Brescia vista dal cortile del Broletto, foto Rossella Papale per BsNews.it
La cupola del Duomo di Brescia vista dal cortile del Broletto, foto Rossella Papale per BsNews.it

Ebbene abbiamo trovato le bellezze artistiche, ma la storia? Per conoscere il passato e gli arcani della città, basterà recarsi al Capitolium o Tempio capitolino. Proprio così! Brescia ha un tempio romano risalente all’antica Brixia, un insediamento fondato dai Galli e poi colonizzato dai Romani tra III e II secolo a.C.

Dopo aver esplorato la città, dunque, il forestiero non ha più le stesse idee con cui era arrivato e comincia a chiedersi per quale motivo si era immaginato una realtà totalmente diversa. A questo punto, non gli resta che continuare ad esplorare l’imprevedibile Brixia per scoprire nuovi luoghi sconosciuti, non si sa mai che possa continuare a stupirsi!

v
Vista dal Castello di Brescia, foto Rossella Papale per BsNews.it

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome