Lago di Garda, è la cozza zebra il nemico dei collettori sommersi

Si chiama Dreissena Polimorpha, anche nota come cozza zebra, il mollusco che ha intaccato la condotta sommersa del Garda

0
Una condotta subacquea
Una condotta subacquea

Si chiama Dreissena Polimorpha, anche nota come cozza zebra, il mollusco che ha intaccato la condotta sommersa del Garda e costretto ad una manutenzione straordinaria della struttura.

Come spiega Bresciaoggi, la particolare specie di molluschi è originaria del Mar Caspio e del Mar Nero e ha la capacità di intasare i tubi in acciaio incrostandoli. A portarla sul potrebbero essere state imbarcazioni straniere iscritte a regate o altre iniziative analoghe.

I lavori di manutenzione sui collettori sono stati eseguiti dalla Drafinsub di Genova per conto di . Le operazioni hanno avuto un costo di 1,8 milioni di euro e hanno interessato 120 punti della condotta che hanno richiesto oltre 14.000 ore di lavoro e quasi 50 tecnici.

Intanto alcuni campioni di bioconcrezioni provocate dalla cozza zebra sono stati affidati al laboratorio dell’Università di Brescia affinchè si trovi una soluzione che ne blocchi la diffusione.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome