Elezioni provinciali e polemiche, il presidente Alghisi: tutto lecito

Non si placano le polemiche per le elezioni provinciali che si sono tenute domenica. Un appuntamento da cui il centrosinistra (ma solo se si considera l'alleanza a sinistra) è uscito vincitore per un soffio

0
Samuele Alghisi, pressidente della Provincia di Brescia Ph Fotolive Simone Venezia
Samuele Alghisi, pressidente della Provincia di Brescia Ph Fotolive Simone Venezia

Non si placano le polemiche per le elezioni provinciali che si sono tenute domenica. Un appuntamento da cui il centrosinistra (ma solo se si considera l’alleanza a sinistra) è uscito vincitore per un soffio. Ma comunque in difficoltà.

Su ricorso del sindaco di Ospitaletto (primo dei non eletti del ), infatti, il segretario ha proceduto a riaprire le urne, verificando la presenza di un errore di attribuzione e facendo decadere così il primo cittadino di Villa Carcina Gianmaria Giraudini.

Una decisione contestatissima da tutti i rappresentanti di lista presenti, secondo cui il segretario non aveva la facoltà di procedere al riconteggio se non su ordine del tribunale. E lo stesso Giraudini ha annunciato l’intenzione di fare ricorso al Tar, evocando l’ipotesi di un abuso di ufficio e lamentando il fatto che durante il nuovo spoglio era presente soltanto Sarnico.

Ma il presidente della Provincia (esponente del Pd come Alghisi e Sarnico), con una nota inviata oggi, si schiera dalla parte del segretario e del ssindaco di Ospitaletto, affermando che tutto si è svolto nel pieno rispetto delle regole e alla presenza di diversi funzionari dell’ente. Di seguito pubblichiamo la sua nota ufficiale in versione integrale.

IL COMUNICATO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Con riferimento alle notizie diffuse in questi giorni da alcuni giornali e televisioni ritengo necessario precisare che l’Ufficio elettorale, diretto dal Segretario provinciale dott.ssa Maria Concetta Giardina e composto da funzionari della Provincia di Brescia, ha operato con tempestività e trasparenza, attenendosi alle norme di legge, al fine di garantire una regolare e legittima proclamazione degli eletti.

In particolare, preciso che:

  1. Le del Consiglio Provinciale trovano la loro disciplina nella legge 56/2014, che ne demanda le operazioni all’Ufficio elettorale appositamente costituto presso la sede della Provincia, ufficio a cui competono tutte le operazioni di scrutinio e di proclamazione dei risultati (comma 77).
  2. L’Ufficio Elettorale aveva il dovere di procedere ed il potere di effettuare la verifica dei voti in quanto prima di procedere alla proclamazione deve accertare i risultati complessivi. Si aggiunga inoltre che la circolare del Ministero dell’Interno n.32/2014 espressamente riconosce a detto ufficio anche il potere di decidere reclami e contestazioni e correggere errori materiali.
  3. L’apertura della busta contenente i voti della Lista 2 nella sottosezione n. 2 è avvenuta alla presenza dell’Ufficio elettorale composto oltre che dal Segretario generale, anche da altri due componenti, funzionari della Provincia, come puntualmente attestato da verbale delle operazioni svolte.

Faccio notare che i controlli effettuati dall’Ufficio Elettorale prima della proclamazione hanno dato origine anche ad altri rilievi e rettifiche, tutti eseguiti a garanzia della correttezza dell’operato dell’ufficio.

Samuele Alghisi

Presidente della Provincia di Brescia

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome