Pulizie negli asili, Cgil contro Brescia: esterne pagate il 20% in meno delle colleghe

Sono 4 i nidi e 2 le materne a gestione diretta del comune, mentre le restanti strutture sono affidate e due aziende BeB Service e Rekeep

1
Pulizie, foto generica da Pixabay
Pulizie, foto generica da Pixabay

Stesse attività, paghe diverse. E il datore di lavoro è il Comune. A denunciare la situazione è, con una nota, la Camera del lavoro di Brescia che evidenzia come “mentre le dipendenti comunali hanno una paga oraria di 9.63 euro ora, coloro che svolgono un identico lavoro nelle aziende cui il Comune ha affidato l’appalto si vedono corrisposta una retribuzione oraria inferiore del 20%”.

Il sindacato, in particolare, punta l’indice contro il sistema degli appalti per i servizi di pulizia delle scuole. Oggi sono 4 i nidi (Arcobaleno/Giostra/Primavera/Girotondo) e 2 le materne (Agosti/ Ingranata) a gestione diretta del comune, mentre le restanti strutture sono affidate e due aziende BeB Service e Rekeep (in totale circa 120 lavoratrici).

“L’attività svolta dalle ausiliarie assunte dal Comune – si legge – è identica a quella svolta dalle ausiliarie dipendenti delle aziende in appalto”. Gli stipendi no.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. […] Sono contratti diversi, e comunque non sarebbe possibile attribure lo stesso trattamento a chi lavora per le cooperative. Così, in estrema sintesi, Fabio Capra (assessore alla Pubblica Istruzione di palazzo Loggia) e Marco Fenaroli (assessore alle Politiche per la Famiglia e la Persona) rispondono alle critiche dei sindacati e della Cgil che aveva rilevato come le lavoratrici delle coop che fanno le pulizie negli asili comunali vengono pagate in media il 20 per cento in meno delle colleghe assun…. […]

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome