Va al Tribunale dei Minori per l’affidamento dei figli, in borsa ha un proiettile

I due bimbi dell'uomo si trovano insieme alla madre in una comunità protetta: il 36enne è infatti indagato per maltrattamenti in famiglia

0
tribunale dei minori di Brescia - ph Fotolive Fabrizio Cattina
tribunale dei minori di Brescia - ph Fotolive Fabrizio Cattina

Un libro sulle religioni, una mascherina antipolvere, una forchetta e un proiettile 9×38.

Erano questi gli oggetti che un 36enne senegalese custodiva nella propria borsa quando ha cercato di passare i controlli all’ingresso del Tribunale dei Minori di Brescia.

«Non ne so nulla» avrebbe detto all’addetto al controllo, che però ha subito allarmato i del Tribunale, che a loro volta hanno avvisato il magistrato titolare dell’udienza della causa per l’affidamento dei figli a cui l’uomo avrebbe dovuto partecipare.

Intanto sul posto sono intervenuti anche i carabinieri del Radiomobile, che ricevute dall’uomo risposte non convincenti riguardo alla presenza del proiettile nella borsa hanno portato il 36enne – giunto da un paese in provincia di Bergamo – in caserma.

Dalle verifiche è poi emerso che l’uomo – padre di due bimbi che al momento si trovano insieme alla madre in una comunità protetta – è indagato per in famiglia.

Per il 36enne è scattato l’arresto e si sono aperte le porte del (ex ). Il giudice ha poi convalidato l’arresto e disposto l’obbligo di firma nel comune di residenza dell’uomo.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome