Brescia, il commissario europeo Hogan a Confagricoltura: no ai tagli

Il presidente Giovanni Garbelli: “Il ruolo degli imprenditori agricoli va oggi oltre la semplice produzione. Per tutela dell’ambiente e benessere animale servono soluzioni innovative ed incentivanti”.

0
L'incontro fra i vertici di Confagricoltura Brescia e il commissario europeo Hogan
L'incontro fra i vertici di Confagricoltura Brescia e il commissario europeo Hogan, foto Confagricoltura

Palazzo Arzaga a Calvagese della Riviera ha ospitato oggi pomeriggio l’incontro tra i vertici di Confagricoltura Brescia, guidati dal presidente , ed il commissario europeo per l’ e lo sviluppo rurale, Phil Hogan, organizzato grazie all’europarlamentare Lara Comi.

Nel corso del faccia a faccia, il presidente Garbelli si è soffermato sul futuro della Politica agricola comune (Pac), evidenziando come “Confagricoltura voglia una Pac che metta al centro del processo di riforma l’impresa che produce, che garantisce occupazione, che innova e sa stare sul mercato, che mitiga e si adatta ai cambiamenti climatici, che garantisce cibi sani e di qualità”.

Il presidente di Confagricoltura Brescia ha voluto ribadire con decisione al commissario Hogan che “non è possibile pensare di ridurre il budget destinato alla Pac: considerando le valenze sociali ed ambientali, non solo quelle economiche, il bilancio agricolo deve rimanere stabile se non crescere; tagliare fondi all’agricoltura significa togliere risorse alla coesione europea”.

Gli imprenditori agricoli associati a Confagricoltura non vogliono assistenzialismo, ma sostegno per svolgere i tanti compiti che vengono oggi richiesti all’agricoltura e che vanno oltre la semplice produzione: dalla sicurezza alimentare alla tutela del territorio, dalla valorizzazione del paesaggio alla difesa della biodiversità.

“La Pac – ha affermato ancora il presidente Garbelli – deve tenere conto delle diverse situazioni economiche dei Paesi membri, mantenendo il sistema accoppiato per garantire un supporto specifico a settori strategici o sensibili, con Programmi di sviluppo rurale che restino in capo alle Regioni”.

Sul fronte ambientale, Garbelli ha ricordato come “gli agricoltori sono i primi custodi e difensori dell’ambiente, anche se spesso sono messi sotto accusa in modo fuorviante: il greening presente nell’ultima Pac ha dimostrato tutti i suoi limiti e ora è necessario incentivare l’utilizzo di tecnologie innovative benefiche per l’ambiente, che dovranno essere opportunamente remunerate perché la sostenibilità ambientale non sia disgiunta da quella economica”.

Il presidente di Confagricoltura Brescia si è inoltre soffermato sulle sfide che interessano la zootecnia (dalla normativa nitrati, al taglio coda per i suini fino alle politiche di benessere animale), chiedendo che per le aziende non si applichino strumenti punitivi ma siano create occasioni di crescita e sviluppo.

Infine Garbelli, evidenziando la propensione all’export tipica dell’Italia, ha detto che il nostro Paese “non può temere i trattati di libero scambio firmati dall’Ue con altri Paesi del mondo. Per tutti questi temi – ha concluso – l’agricoltura bresciana conta sull’Europa”.

Il commissario Hogan, replicando al presidente Garbelli, si è augurato che la nuova Pac preveda Programmi di sviluppo rurale “che sostengano gli investimenti di un’agricoltura così avanzata e differenziata come la vostra”.

Sul fronte del bilancio agricolo comunitario, il commissario per l’Agricoltura ha sottolineato che “sono stati fatti passi avanti rispetto alle prime previsioni: ora è necessario continuare a lavorare in questa direzione perché solo con risorse adeguate – ha aggiunto il commissario – sarà possibile mettere ricerca ed innovazione al centro delle politiche europee, finanziando il ricorso alla tecnologia in agricoltura”.

Hogan sta per terminare il suo mandato da commissario e per questo, prima di salutare il presidente Garbelli accompagnato anche dal presidente onorario Francesco Martinoni, ha voluto ringraziare Confagricoltura “per questi preziosi anni di collaborazione”.

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome