Brescia-Iseo-Edolo, Legambiente: treni vecchi, ma ora un po’ più sicuri

Sono arrivati in questi giorni dal Deposito locomotive di Cremona al Deposito di Iseo tre ALE 668, convogli dotati del sistema SSC

0
Trenord, foto generica
Trenord, foto generica

“C’è voluto il recente incidente di Inverigo sulla Milano-Asso, quando due convogli  si sono scontrati frontalmente, per costringere a completare il programma di sicurezza sulla Brescia Iseo Edolo. Sulla linea della valle Camonica, già dotata a terra dei sistemi di sicurezza previsti dall’Agenzia Nazionale di Sicurezza Ferroviaria, ora tutti i convogli possono utilizzare le tecnologie di sicurezza per la  marcia dei ”. Ad annunciarlo è, con una nota, , presidente di Basso Sebino.

“Per correre ai ripari – sottolinea Balotta – sono arrivate in questi giorni dal Deposito locomotive di Cremona al Deposito di Iseo tre ALE 668, gli stessi convogli che verranno sostituiti,  ma con a bordo gli strumenti di maggiore sicurezza” e in particolare un’apparecchiatura chiamata SSC, “il Sistema Supporto Condotta che assicura la frenata automatica  anche se il treno oltrepassa un segnale rosso o se viene superata la velocità consentita”.

“Il confort per i passeggeri lascia sempre a desiderare – conclude Balotta – ma almeno la sicurezza dovrebbe essere garantita. Fino ad oggi per i treni che circolavano senza SSC a bordo l’agenzia Nazionale   aveva disposto la riduzione di velocità, il doppio personale e l’ attraversamento a vista dei passaggi a livello. Ora in attesa del nuovo materiale rotabile resta scoperto l’uso di questa nuova tecnologia di sicurezza al solo treno dei sapori che è trainato da una vecchia locomotiva di manovra. Il trasferimento dei treni è stato possibile grazie alla pesante soppressione di servizi operata da Trenord sull’area cremonese”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome