Concesio, sindaco e giunta indagati per i contributi alla parrocchia

Gli amministratori sarebbero accusati di aver concesso indebitamente 44.740 alla parrocchia di Sant'Antonino per la raccolta rifiuti

0
Stefano Retali
Stefano Retali

Sono 24, a vario titolo, le persone del Comune di Concesio indagate nelle scorse ore nell’ambito dell’inchiesta che ha portato all’arresto di un dirigente dell’ufficio tecnico. Ma la posizione del sindaco Stefano Reali e degli assessori indagati (cinque, tra cui la candidata sindaco Domenica Troncatti) è ben diversa da quella dell’arrestato, accusato di aver pilotato alcuni appalti.

Gli amministratori, infatti, sarebbero accusati di aver concesso contributi economici per 44.740 (tra il 2009 e il 2017) alla parrocchia di Sant’Antonino per la raccolta e gestioni di rifiuti non pericolosi nonostante non ci fossero le autorizzazioni previste dalla legge.Per la stessa ragione sarebbero indagato anche il parroco don Fabio Peli.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome