Ospedale di Leno, medici contro Scarcella (Asst Garda): manca il personale

I sindascati dei camici bianchi chiedono un incontro e annunciano che "non lasceranno nulla di intentato, anche sul piano legale"

1
Carmelo Scarcella (direttore Asst Garda, ex direttore Ats/Asl Brescia)
Carmelo Scarcella (direttore Asst Garda, ex direttore Ats/Asl Brescia)

La situazione dell’ rischia di precipitare a causa della carenza di personale e il direttore generale non accetta incontri per discuterne “nonostante i  solleciti inviati nei mesi di febbraio e marzo”. A dirlo è una nota dei sindacati della dirigenza medica dell’ del Garda.

“Dopo la grandeur dei festeggiamenti con l’Assessore Gallera, a fine anno 2018 – si legge in una nota – stanno venendo al pettine i nodi strutturali ed organizzativi  per un reale avvio delle attività sanitarie in quel Presidio. In conseguenza della rescissione del contratto con il Dominato Leonense, si é verificata una carenza di personale medico per mantenere realisticamente  a regime l’attivitá sanitaria” e – continua il comunicato – “dal 1 gennaio 2019 tutti gli Psichiatri, i Farmacotossicologi, i Neuropsichiatri e gli Internisti del DSMD devono rispondere  a tutte le urgenze ed emergenze negli spazi orari lasciati scoperti dai colleghi”.

I sindacati, quindi, sottolineano che la dirigenza sta procedendo con ordini di servizio basati sullo stato di emergenza, causando una “situazione di stress lavorativo e di mancato rispetto della professionalità” che “oltre a squalificare il lavoro svolto ordinariamente, stravolge i piú elementari fattori per la corretta gestione del rischio clinico e della sicurezza professionale e degli utenti”.

I medici, infine, giudicano il comportamento di Scarcella “non consone alla dignità sia delle organizzazioni sindacali che della dirigenza medica che rappresentiamo” e annunciano che “non lasceranno nulla di intentato, anche sul piano legale”.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Che i medici siano in Italia ormai solo un”costo” ed una qualsiasi “forza lavoro” anzichè persone che hanno a che fare con la cura e la vita delle persone è un dato di fatto. A partire al numero chiuso nelel univesità per arrivare fino al mancato ricambio generazionale dei medici che vanno in pensione fino alle carenze croniche che non garantiscono più i servizi minimi di assistenza sanitaria, i limti di mancanza di una vera pianificazione dei fabbisogni e delle copertura delle posizioni sanitarie soprattutto apicali sono di giorno in giorno sempre più allarmanti senza che si vedano all’orizzonte decisioni o scelte, nazionali, regionali e locali, in grado di invertire la rotta. E così, come nel caso di Leno, si assiste impotenti allo sfascio della sanità pubblica.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome