Il design under 35 rivolto a Expo Dubai 2020 è bresciano

Si è svolta giovedì 11 aprile la premiazione a Palazzo Lombardia dei giovani designer vincitori della settima edizione della Design Competition Expo Dubai 2020, con una notevole partecipazione di aziende e candidati bresciani

0
Design competition Expo a Dubai, foto da ufficio stampa
Design competition Expo a Dubai, foto da ufficio stampa

Si è svolta giovedì 11 aprile la premiazione a Palazzo Lombardia dei giovani designer vincitori della settima edizione della Design Competition Expo Dubai 2020, con una notevole partecipazione di aziende e candidati bresciani che rappresenteranno il design lombardo a Expo 2020 Dubai. “Regione Lombardia è al fianco di tanti giovani che, con la loro creatività, rappresentano il cuore pulsante del design lombardo e nazionale“: così l’Assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda di Regione Lombardia Lara Magoni ha proclamato, nel cuore della design week milanese, i 20 progetti vincitori della call for ideas promossa da Regione Lombardia e Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e Unioncamere Lombardia. Obiettivo del contest l’ideazione di progetti innovativi, nonchè la realizzazione dei relativi prototipi, un connubio possibile grazie alla collaborazione tra le imprese lombarde coinvolte e i designer under 35 ispirati al tema cardine “Connecting Spaces”. Un tema certamente non casuale, dettato dal leitmotiv di Expo 2020 “Connecting minds, Creating the future”, che ha portato sul palco dell’Auditorium Testori progetti dal volto nuovo rivolti all’interazione tecnologica e sociale, reinterpretando al contempo la tradizione artigianale italiana: da oggetti di design in grado di connettere gli spazi, fino alle tecnologie di domotica applicate al design e strutture temporanee per mettere in correlazione le persone.
I venti progetti vincitori della Design Competition passeranno ora alla fase di prototipazione e saranno esposti ad Expo 2020 Dubai, dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021. Tra questi i progetti di alcuni giovani bresciani, come il gruppo di Studio 7b, che annovera da anni la collaborazione tra Giulia Kron Morelli, Laura Mimini, Giovanni Tomasini ed Eliana Valenti, dando alla luce i progetti studiati rispettivamente con le aziende BDM SAS – Haute Material e Manzoni di Manzoni GabrieleOpus ligneum”, un parquet performante modulare per connettere percorsi e delimitare aree in modo creativo e “Beyound”, uno specchio del 21° secolo dal cuore hi-tech che mostrerà alle persone riflesse non solo la propria immagine ma una finestra sul mondo,

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome