Nuovo comandante dei vigili a Bagnolo, aperta un’inchiesta

Secondo l'ipotesi la donna, in virtù di legami politici, potrebbe essere stata favorita nelle procedure di gara: la nomina è stata sospesa

1
Alt della Polizia Locale
Alt della Polizia Locale

La procura di Brescia, secondo quanto riportano diverse fonti, ha aperto un’inchiesta per abuso d’ufficio sulla nomina del nuovo comandante della di Bagnolo Mella. Il concorso risale a qualche mese fa e a risultare vincitrice è stata una 40enne di origine tunisina (già insignita del titolo di cavaliere della Repubblica), che aveva ricoperto lo stesso incarico a Gargnano.

Secondo l’ipotesi, la donna – in virtù di legami politici – potrebbe essere stata favorita nelle procedure di gara e per questo gli investigatori starebbero lavorando anche sulle telefonate tra la tunisina e alcuni rappresentanti del Comune. Ma si tratta di accuse ancora tutte da dimostrare. Nel frattempo la nomina sarebbe stata sospesa.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. […] “Il Codacons rileva la gravità del reato di abuso d’ufficio e presenterà pertanto costituzione di parte offesa presso la Procura della Repubblica”. A dirlo è una nota ufficiale dell’associazione consumatori, che interviene così sul caso del bando di gara per la nomina del nuovo comandante della Polizia Locale di Bagnolo Mella. […]

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome