Barriere architettoniche, in Lombardia spariranno entro il 2030 (si spera)

Il documento approvato invita la Giunta a coordinare le azioni di adeguamento, dotandosi entro il 2020 di un apposito piano con risorse specifiche

0
Una persona in sedia a rotelle, foto generica da Pixabay
Una persona in sedia a rotelle, foto generica da Pixabay

Lombardia, regione senza barriere fisiche e sensoriali entro il 2030. Questo quanto sollecitato da una mozione del PD per la promozione della piena accessibilità degli spazi urbani e privati, approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale.

Il documento, frutto di una serie di modifiche condivise da maggioranza e opposizione, invita la Giunta regionale a coordinare le azioni di adeguamento, dotandosi entro il 2020 di un apposito piano con risorse specifiche per le opere di riconversione e riqualificazione delle aree urbane e degli edifici di edilizia residenziale pubblica.

Per l’attuazione dei Piani per l’eliminazione Barriere Architettoniche (PEBA), attuati solo nel 5% dei Comuni, la Regione collaborerà con gli Enti Locali: in un’ottica di piena trasparenza saranno pubblicati sul sito istituzionale i dati aggiornati circa l’avanzamento dell’abbattimento delle barriere architettoniche sul territorio lombardo. Il documento prevede, infine, lo sviluppo di azioni di sensibilizzazione nel contesto del progetto “Lombardia Facile”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome