Truffa al Sistema sanitario nazionale, è iniziato il processo sul doping

Venticinque persone tra farmacisti, bodybuilder e ricettatori sono finiti nel registro degli indagati nel 2015 per truffa ai danni del SSN

0
Il cassetto dei medicinali di una farmacia di Brescia
Il cassetto dei medicinali di una farmacia di Brescia

Venticinque persone tra farmacisti, bodybuilder e ricettatori sono finiti nel registro degli indagati nel 2015 per truffa ai danni del Servizio sanitario nazionale.

Ora, dopo anni dall’inizio delle indagini, tredici di loro, per lo più farmacisti, sono a per aver distribuito non legalmente un prodotto dopante attraverso false prescrizioni, scritte su ricettari medici rubati a diverse strutture mediche e ospedaliere. Secondo quanto ricostruito, le prescrizioni riportavano firme false ed erano intestate a persone, estranee alla vicenda, con esenzione per patologia e quindi venivano rendicontate al Servizio sanitario nazionale.

Dalle indagini condotte dai Nas dei è emerso un giro d’affari milionario, con acquirenti che si presentavano più volte nella stessa giornata nella stessa farmacia per ritirare quantitativi per lo meno sospetti del prodotto incriminato.

Le prossime udienze del processo sono previste l’8 luglio e il 16 settembre.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome