Valcamonica, Beccalossi: finanziato il sistema anti-frane a Sonico

La Giunta regionale oggi ha formalizzato uno stanziamento di 51.200 euro per assicurare il monitoraggio delle colate detritiche della Val Rabbia

0
Frana, foto generica
Frana, foto generica

“L’attenzione della Regione per la sicurezza degli abitanti di Rino e di Sonico è sempre alta e viene confermata dallo stanziamento di oggi, per ripristinare la piena efficienza del sistema di monitoraggio della Val Rabbia. Un lavoro che mi onoro di avere iniziato assieme al sindaco Pasquini dopo l’emergenza degli scorsi anni e che oggi è confermato dall’impegno del presidente Fontana e dell’assessore Foroni, che ringrazio”.

Lo dichiara , consigliere regionale del Gruppo Misto, commentando la delibera della Giunta regionale, che oggi ha formalizzato uno stanziamento di 51.200 euro per assicurare, in vista della stagione estiva, il funzionamento del sistema di monitoraggio delle colate detritiche della Val Rabbia, accogliendo la richiesta pervenuta dal Comune di Sonico.

“Il sistema –prosegue Viviana Beccalossi – ha già dato prova di efficienza, come nell’estate del 2018, quando la minaccia di una nuova discesa di detriti ha fatto scattare immediatamente le procedure di protezione civile, portando all’evacuazione della frazione di Rino”.

“Gli interventi realizzati a seguito dei gravissimi danni provocati dalle alluvioni del 2012 e 2013 –continua- sono stati pensati seguendo due strade: quello del ripristino delle aree colpite, come è stato per la costruzione di un nuovo ponte a Rino e soprattutto per le grandi opere di messa in sicurezza della zona di confluenza tra Val Rabbia e Oglio, ma anche per la prevenzione, come testimonia il sistema di monitoraggio”.

“Con gli oltre 5 milioni di euro investiti sull’area –conclude Viviana Beccalossi- questo territorio si conferma al centro di una delle più importanti opere di difesa del territorio in Lombardia tra quelle finanziate e realizzate negli ultimi anni”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome