Radio Radicale è da salvare: ordine del giorno bipartisan in Loggia

Il documento impegna a garantire la proroga della convenzione i cui proventi sono determinanti per la sopravvivenza dell'emittente

0
Fabrizio Benzoni, foto da Facebook
Fabrizio Benzoni, foto da Facebook

E’ stato presentato al Presidente del Consiglio Comunale di Brescia un ordine del Giorno traversale che chiede al Consiglio di esprimersi in sostegno di Radio Radicale impegnando il Sindaco e la Giunta ad attivarsi presso il Governo Nazionale al fine di consentire la prosecuzione della trasmissione radiofonica della sedute dei lavori parlamentari di parte di Radio Radicale mediante la proroga della convenzione – i cui proventi sono determinanti per la sopravvivenza dell’emittente – con il centro di produzione S.p.A.

Un ordine del giorno molto simile a quello approvato da decine di amministrazioni locali di ogni colore politico di tutta Italia. A presentarlo è stato il Consigliere , capogruppo di Brescia per Passione con il collega Dionigi Guindani, condiviso e co-firmato dai colleghi di Sinistra a Brescia, e di Forza Italia, da e di Fratelli d’Italia, e della Civica del Bono e a nome dell’intero gruppo del Partito Democratico.

Un fronte bi-partisan che pone quindi l’attenzione su quanto accaduto all’emittente radiofonica dal 20 maggio 2019 a seguito delle decisioni intraprese dal Governo Nazionale.
Mancano quindi solo le firme di Lega e M5S oltre a quella del consigliere del Gruppo Misto . Difficile prevedere i tempi di discussione di tale Ordine del Giorno all’interno dell’aula consiliare, ma di sicuro un gesto politico forte in favore della salvaguardia di un patrimonio della democrazia e e delle istituzioni.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome