🔴 Siria, ostaggio bresciano torna a casa: ora dovrà spiegare molte cose

Nelle prossime ore Sandrini dovrà parlare con i magistrati della procura di Roma, poi vi saranno anche altri aspetti da chiarire

0
Alessandro Sandrini, da Folzano, sarebbe stato rapito e portato in Siria
Alessandro Sandrini, da Folzano, sarebbe stato rapito e portato in Siria

Alessandro Sandrini è tornato a Brescia.

Il 34enne di Folzano che era svanito nel nulla nell’ottobre del 2016 mentre si trovava in vacanza ad Adana, in Turchia, è stato liberato e riportato in Italia.

Sandrini sarebbe stato prigioniero in , ostaggio di una banda che lo aveva rapito con l’intenzione di chiedere un riscatto. A lungo non si hanno avuto sue notizie, poi c’erano state alcune telefonate alla madre e un video in cui appariva vestito con una tuta arancione e minacciato da uomini che imbracciavano dei kalašnikov.

Secondo alcune fonti il 34enne di Folzano, che ha raccontato del rapimento in una conferenza stampa tenutasi in Siria, sarebbe stato liberato a seguito di un conflitto a fuoco.

Nelle prossime ore Sandrini dovrà parlare con i magistrati della di Roma, poi vi saranno anche altri aspetti da chiarire. Prima della sua scomparsa, infatti, Sandrini era stato accusato di due commesse nel 2016 insieme ad un complice in due negozi. Sulla sua testa pende poi un’accusa per ricettazione per aver cercato di vendere ad un negoziante cinese dispositivi tecnologici rubati in un fast food di Desenzano.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome